Cos’è il Game Disorder?

Dal 1 Gennaio 2022 il Gaming Disorder, ovvero la dipendenza da videogiochi, sarà riconosciuto come una patologia a tutti glie effetti da parte dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Ricerche recenti infatti hanno evidenziato come via sia una percentuale di giocatori affetto da questo disturbo. Tale diagnosi potrà essere apposta solamente dopo 12 mesi di comportamenti disfunzionali, caratterizzati da un effetto totalizzante del videogioco sugli altri aspetti fondamentali della vita di una persona.

Sebbene frequentemente la dipendenza venga associata a comportamenti di abuso circoscritti a specifici momenti, risulta chiaro che sia importante prevenire ed intervenire a riguardo: da una parte è importante educare le nuove e vecchie generazioni ad un utilizzo consapevole e favorevole; dall’altra nei casi più rari ed estremi è importante cercare un supporto per riprendere in mano la propria vita.

Come avviene in entrambi questi casi, la soluzione migliore è quella di affidarsi a professionisti del settore.

Cosa offre Horizon?

In quest’ottica Horizon lavora sia per prevenire il disturbo, con servizi di Media Education atti ad insegnare ai ragazzi a regolare il proprio gaming evitando i ripetuti comportamenti d’abuso, sia a livello psicoterapeutico, prendendo in carico chi soffre di questo disturbo.

Hai il dubbio che un tuo conoscente sia affetto da Game Disorder? Allora contattaci!