Media Education2018-06-01T13:32:49+00:00

Cos’è la media education?

La Media Education (o media literacy education), viene definita da Felini (2012) come un campo di studi e di pratiche educative internazionalmente accreditato nelle diverse aree linguistiche del mondo occidentale. Esso si lega da un lato all’educazione alla comunicazione secondo le differenti possibilità di cui l’uomo contemporaneo dispone (stampa, radio, cinema, televisione, internet e nuovi media); dall’altro all’educazione alla cittadinanza, perché l’informazione e la partecipazione, oggi sono in gran parte veicolate proprio da questi strumenti, e chi non ha accesso o non li sa usare è inevitabilmente meno partecipe della vita della comunità sociale cui appartiene. Nell’uno o nell’altro caso, comunque, l’educazione ai media si configura, ne mondo odierno, quale capitolo determinante nell’educazione integrale della persona umana.

Quali sono i suoi obiettivi?

La media education si pone una moltitudine di obbiettivi differenti, tutti riassunti e consolidati nella citazione sopra menzionata di Felini. Come l’autore lascia intendere, lo scopo di tale forma di educazione moderna è quello di rendere l’individuo adatto a relazionarsi con la cultura moderna. Può essere controproducente infatti, tentare di porre misure proibizionistiche rispetto a nuovi media e videogiochi (soluzione che purtroppo molti genitori adottano), poichè la cultura stessa ne è costituita. È più opportuno invece insegnare ai ragazzi a conoscere ed utilizzare tutte queste nuove forme di comunicazione ed intrattenimento al fine di consentire loro di farne un uso appropriato. Citando i punti salienti di questa corrente educativa, si può dire che la media education mira a:

  • Sensibilizzare gli individui sull’utilizzo dei nuovi media: cosa significa usare un social network? Quali possono essere le conseguenze di un mio comportamento inadeguato?
  • Favorire l’uso e non l’abuso delle nuove tecnologie: è possibile diventare dipendenti da queste ultime? Quanto tempo è consigliabile giocare ai videogame? Da che età posso lasciar giocare un bambino?
  • Insegnare a riconoscere i pericoli della rete e sapervi far pronte: Sexting, Cyberbullismo, Blue Whale e simili sono tutti fenomeni pericolosi collegati all’utilizzo del web e dei nuovi media. Come riconoscerli e che strategie mettere in atto per evitarli?

Il tutto per garantire un utilizzo positivo e costruttivo delle nuove tecnologie, così da permettere loro di diventare uno strumento per il miglioramento della vita propria e altrui.

Come genitore, cosa posso fare per insegnare ai miei figli ad utilizzare i nuovi media?

Molte generazioni di genitori contemporanee sono in difficoltà di fronte alla Media Education; essi infatti, non sono nativi digitali e, pertanto, non possiedono gli strumenti culturali adatti a gestire un fenomeno con il quale non sono cresciuti. Tuttavia la cultura moderna è questa, ed è necessario insegnare ai ragazzi di oggi come farne parte. Pertanto, il primo consiglio è sicuramente quello di seguire (che non significa controllare) i ragazzi nell’utilizzo delle nuove tecnologie. Lasciarsi spiegare, interagire, osservare, senza però diventare invadenti per la privacy e gli spazi personali dei ragazzi. Il secondo, è quello di affidarsi a professionisti del settore, capaci di insegnare ai ragazzi ad utilizzare e a non farsi utilizzare dalle nuove tecnologie.

Corsi di Media Education

Corsi a scuola

Corso dedicato a ragazzi di scuole medie e superiori. Lo scopo è quello di fare una corretta informazione sul tema delle nuove tecnologie, insegnando ai ragazzi ad utilizzarle in maniera coscienziosa e sicura. Verranno dunque affrontati temi come la navigazione sicura, l’utilizzo e i rischi dei social network, i pro e i contro dei videogiochi, le tecnologie in sviluppo e gli scenari possibili, il tutto gestito in maniera coinvolgente e interattiva.

Corso dedicato a ragazzi universitari, pensato e realizzato per insegnare a questi ultimi a fare un utilizzo prosociale delle nuove tecnologie. Inoltre si vuole promuovere la creatività degli studenti, mostrando loro delle alternative possibili di applicazione dei propri studi al mondo digitale.

Corsi privati

Corso dedicato genitori e ragazzi. Lo scopo è quello di passare un piacevole momento famigliare, approfondendo uno dei temi di divergenza generazionale più diffusi. Da un lato si insegnerà ai ragazzi a fare un uso coscienzioso delle nuove tecnologie, dall’altro si forniranno ai genitori degli strumenti per evitare di demonizzare queste ultime, spiegando anche gli usi e gli effetti positivi che esse possono avere sui ragazzi.

Per maggiori informazioni:

Contattaci

Articoli sulla Media Education

Edutainment – Realtà Virtuale e videogiochi sui banchi di scuola? Ecco come i nuovi media potrebbero cambiare l’educazione

By |luglio 16th, 2018|Categories: Media Education|Tags: , , , , , , |

L’edutainment è espressione del tentativo di arricchire e supportare l’educazione grazie alle potenzialità della sfera dell’entertainment, propria del settore videoludico, declinandosi nel game based learning, in generale, e nel digital game based learning, nello specifico [...]

Vuoi smettere di fumare? FALLO CON UN VIDEOGIOCO!

By |aprile 20th, 2018|Categories: Serious game|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , |

Quando si parla di salute e benessere raramente si pensa ai videogiochi come mezzo per raggiungerla anzi, spesso vengono associati al contrario, alle patologie e al malessere. La letteratura scientifica contiene oramai una vasta gamma [...]

5 domande che i genitori fanno sempre sui videogiochi

By |marzo 20th, 2018|Categories: Media Education|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |

L’idea di videogiochi generalmente condivisa tra gli adulti è che siano come il cibo spazzatura: si possono tollerare una volta ogni tanto, ma senza eccedere perché altrimenti potrebbero fare male alla salute. Sono molti ormai [...]

Dipendenza da videogiochi, un disturbo da non temere

By |gennaio 13th, 2018|Categories: Media Education|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , |

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto la dipendenza da videogiochi come disturbo. Ma si può davvero diventare dipendenti di un videogame? L’uso eccessivo, compulsivo e irrefrenabile dei videogiochi d’ora in poi verrà considerato dall’Organizzazione Mondiale [...]