User Experience2019-02-13T17:42:34+00:00

Cosa si intende con Usabilità e User experience?

Usabilità e user experience sono due dimensioni strettamente psicologiche che si manifestano in funzione della relazione tra un utente e un interfaccia tecnologica. La prima fà riferimento alla capacità dell’utilizzatore di trasporre le proprie intenzioni dalla realtà fisica a quella mediata in maniera veloce ed efficace; con la seconda, invece, si intende l’insieme di vissuti, emotivi, cognitivi e sociali, che scaturiscono dall’utilizzo del medesimo apparato tecnologico. Entrambe le variabili sono fondamentali nella progettazione e la valutazione di strumenti digitali di vario genere, dai siti web, ai videogiochi, fino ad arrivare alle applicazioni o ai software.

Che servizi offre Horizon?

La nostra compagnia mette a vostra disposizione i propri servizi di consulenza rispetto a Usabilità e User Experience (Esperienza dell’utente) per aiutarvi a passo dopo passo dalla definizione dell’idea, alle ricerche preliminari, fino a giungere alla produzione del prototipo attraverso report precisi e puntuali in merito ai risultati raggiungi e quelli che si stagliano nel vostro orizzonte.

  • Progettazione di interfaccia – Progettare efficacemente un sistema informatico non riguarda solo l’abilità di scrittura di un codice adatto allo scopo, ma concerne anche la valutazione e l’analisi dell’utenza. Con il nostro modello di progettazione, l’utente è messo al centro del processo di creazione del prodotto informatico e non di cui sarà il destinatario. Questa metodologia produce un risultato cucito su misura delle possibili necessità dell’utenza finale, delle aspettative del committente e dei compiti che il sistema è chiamato a completare. Tale modello comporta inoltre una riduzione generale del rischio, a seguito delle analisi scientifiche preliminari incluse nel suddetto modello, e una maggior possibilità di impatto sul mercato, ottenuta attraverso una serie di rigorosi test e griglie valutative a cui il prodotto è sottoposto. e un  rispetto a compiti, bisogni ed aspettative.  importante prevedere chi è il target di riferimento ed i relativi da soddisfare bisogni e quali obiettivi vogliono essere raggiunti con il sistema che si andrà a creare, oltre a i bisogni dell’utenza che saranno soddisfatti.
  • Ottimizzazione – Il focus sulla persona riguarda spesso competenze di tipo tecnico differenti da quelle, seppur anch’esse tecniche, di un programmatore. Molto spesso infatti diversi sistemi sono pensati per l’utilizzo da parte di un utente mediamente esperto, mentre non prevede necessariamente di adattarsi per un utente meno navigato, questo spesso riduce l’efficacia dello strumento su una popolazione che invece è più ingenua e che spesso rappresenta la fetta più grande della torta.
Fortunatamente è possibile aiutare tutti gli utenti, in particolare i meno esperti, semplificando e rendendo massimamente accessibili, esplicite e raggiungibili funzioni e compiti che il prodotto informatico e non è chiamato a svolgere.Rendere accessibile un sistema è una grande sfida che punta a portare la tecnologia ad essere da subito capace di accogliere un nuovo utente, indipendentemente dal suo grado di conoscenza del sistema; contemporaneamente promuove un’esperienza di utilizzo piacevole, soddisfacente, efficace ed immediatamente comprensibile.
  • Analisi Scientifica – Trasversale ai due processi precedenti, i nostri servizi garantiscono l’utilizzo di modelli di intervento la cui efficacia è comprovata dalla letteratura scientifico psicologica. L’utilizzo di vari modelli ed approcci permette di configurare un’analisi sistematica a rete in cui una serie di valutatori esperti e non, esprimono la propria opinione risaltando limiti, possibilità, punti di forza e debolezza di idee e prodotti. Da questo punto di vista l’analisi non si limita a variabili esclusivamente connesse alla User Experience e alla Usability, ma riguardano anche modelli di analisi legati al contesto psicosociale, socioeconomico e tecnologico.

Per maggiori informazioni:

Contattaci

Articoli sulla User Experience

PSVG gioca a… Red Rope: Don’t Fall Behind

By |Gennaio 16th, 2019|Categories: Game Analysis, PSVG gioca a...|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |

In attesa di Hell is Others e di Circle of Sumo, sempre dello studio italiano Yonder questo mese abbiamo provato il famoso indie Red Rope: Don't Fall Behind. Il videogioco riprende la famosa leggenda giapponese [...]

PSVG GIOCA A… The Ballad Singer: back to the ’80s!

By |Novembre 16th, 2018|Categories: Game Analysis, PSVG gioca a...|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |

Ormai è inutile negarlo, gli anni '80 sono tornati. Da Stranger Things a Ready Player One, dalla moda al design di elettrodomestici siamo sempre più circondati da richiami agli anni che furono, ad una nostalgia [...]

Beyond the Castle: Apprendere nozioni storiche con la VR

By |Ottobre 20th, 2018|Categories: Game Analysis, PSVG gioca a...|Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , |

Pochi giorni fa, noi di Horizon Psytech siamo stati invitati da Marco Arena, CEO e founder di Beyond the Gate a provare un'esperienza educativa in VR al Castello Sforzesco di Milano. L'esperienza, dal titolo "Beyond [...]

PSVG gioca a… Omen Exitio: Plague – Una perla tutta italiana

By |Aprile 10th, 2018|Categories: Game Analysis, PSVG gioca a...|Tags: , , , , , , , , , , |

Quando tutti gli studi di videogame indie cercano di portare gameplay innovativi e una grafica sempre più "nuova", ecco che Tiny Bull Studios gira le sue carte, facendo uscire su Steam un libro-game stile anni [...]

Cosa rende un videogame bello o brutto? Nozioni di Game Design

By |Giugno 15th, 2017|Categories: Game Design|Tags: , , , , , , , , |

Scrivo questo articolo, che magari dal titolo potrebbe sembrar banale, per la forte carenza di nozioni tecniche legate ai videogiochi. Perché proviamo a pensarci: cosa rende un videogioco bello oppure brutto? Che domanda scontata, vero? [...]