Illumiroom, il concorrente del Progetto PlayStation VR?

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

La Sony (Playstation) ha preso la sua strada investendo su un modello di Oculus Rift che si adatterà al Gaming sulle sue piattaforme. Direzione giusta? Sembrerebbe. L’attesa è tanta ma il progetto sembra rispettare le aspettative. Una realtà virtuale al prezzo di 299$ potrebbe rappresentare una svolta epocale nella storia dei videogames. Ma come si è comportata la concorrenza?

Microsoft, per la sua console Xbox One, sta sviluppando “IllumiRoom“, presentata per la prima volta al CES 2013 tenutosi a Las Vegas. E’ una tecnologia rivoluzionaria sviluppata da Microsoft e pensata per sorprendere tutti i videogiocatori. L’idea, nata in collaborazione con Samsung, consiste di un sistema che integra Kinect ed un proiettore per coinvolgere tutta la stanza nell’esperienza visiva. Il tentativo è quello di rendere la stanza l’ambiente di gioco, integrando gli elementi di contesto virtuali nel contesto di gioco reale.

Gli sviluppatori hanno spiegato in questo modo:

Il nostro sistema utilizza l’aspetto e la geometria della stanza (catturata da Kinect) per adattare le immagini proiettate in tempo reale senza la necessità di pre-processo personalizzato della grafica.

Le premesse sembrano buone, ma giudicate voi stessi:

https://www.youtube.com/watch?v=sJ4hWa6y710

La mia personalissima opinione mi porta ad un “Ni”. L’idea è davvero buona, i giochi di luce (Esplosioni e scontri a fuoco), l’estendersi del contesto (neve) e l’interattività delle immagini con gli elementi della stanza sono elementi di forza consistenti per il raggiungimento degli obbiettivi preposti. Ma guardando, dall’esterno, mi lascia un senso di incompletezza. Un “manca qualcosa”. Ma cosa? Nulla. La stanza viene riempita quasi nel completo. Allora cos’è? il problema sembra situarsi all’interno del punto focale dello sviluppo: il contesto. La morfologia della stanza e la quantità di luce presente saranno decisivi per  la fruizione di questa tecnologia. Queste variabili andranno studiate dai possibili clienti per permettersi un’esperienza di gioco ottimale altrimenti un’ipotetica insoddisfazione sembra essere dietro l’angolo. Il confine tra esperienza ottimale e delusione totale sembra essere molto sottile e questo rappresenta il problema principale.

E’ passato più di un anno dalla presentazione e ancora il prodotto non viene pubblicizzato: che abbiano capito i rischi possibili o stiano solo aspettando il momento giusto (alla luce di uno sviluppo tecnico ideale)? Stay tuned, noi lo saremo di sicuro!

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][whohit]Illumiroom, il concorrente del Progetto Morpheus?[/whohit]

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI