Gaymer profile: SonicFox

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Dominique McLean, in arte SonicFox, è un videogiocatore americano specializzato in picchiaduro. Attualmente detiene, da quattro anni di seguito, il titolo di campione EVO (Evolution Championship Series).

In seguito alla sua ulteriore vittoria al campionato di quest’ anno al gioco Dragon Ball FigtherZ, questo professionista di Esports ha deciso di dichiarare al mondo la propria omosessualità tramite un post su twitter.

Analizzando l’ambiente degli esports, possiamo notare una sempre presente dose di omofobia, razzismo e misoginia che si palesa nei commenti presenti all’interno delle varie communities (Mulkerin, 2016).

Dominique si definisce un “Black Queer Furry” ed in quanto tale rischia di essere soggetto sia a discriminazione razziali, sia a discriminazioni legate al suo orientamento sessuale. Probabilmente molti di noi conoscono già il fenomeno: a chi non è capitato, durante una partita online, di sentire un altro giocatore usare parole come “fag” (frocio) o “nigga” (negro)?

Per quanto le stesse comunità si siano impegnando a fronteggiare questo problema (es. NACE, 2017), gli eSports rimangono ambienti fortemente maschili ed ancora troppo poco inclusivi nei confronti delle differenze (Funk, D. C., Pizzo, A. D., & Baker, B. J., 2017).

Una delle definizione che SonicFox usa verso di sé è quella di “furry”. Quando parliamo di furry identifichiamo una comunità di persone interessate in personaggi con aspetto animale e caratteristiche e personalità umane. Nel caso di SonicFox, questo si più evidenziale dal suo caratteristico copricapo di pelo blu.
Per quanto non voglia addentrarmi più del dovuto nello studiare il fenomeno, è importante ricordare che i furries non sono persone con particolari fetish o disfunzioni psicologiche ma persone accomunate dalla passione per gli animali antropomorfi (Herzog, 2017).

 

BIBLIOGRAFIA:

Funk, D. C., Pizzo, A. D., & Baker, B. J. (2017). eSport management: Embracing eSport education and research opportunities. Sport Management Review.

Herzog H., (2017). What’s the Deal with “Furries?” What a decade of research reveals about a misunderstood subculture. Psychology Today.

NACE (2017) National association of collegiate eSports – get involved.

Mulkerin (2016). ESports has a racism problem. Business Insider.

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI