Horizon Psytech & Games alla Milan Games Week 2018!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Come probabilmente avete saputo dalla nostra pagina Facebook, domenica 7 Ottobre Horizon Psytech & Games con Andrea Zanacchi, Gabriele Barone e Ambra Ferrari,  ha svolto una talk informativa riguardo i benefici e le abilità che si potenziano giocando ai videogiochi, presso la fiera videoludica più famosa in Italia: la Milan Games Week.

In collaborazione con l’OPL (Ordine Psicologi Lombardia), la talk si è centrata a dare un ruolo “positivo” ai videogiochi, ponendo rilievo alle caratteristiche per cui un videogioco può diventare uno strumento costruttivo col quale migliorare la propria vita, potenziando competenze cognitive, emotive e relazionali.

Citando Jane McGonigal “Credo che se vogliamo sopravvivere il prossimo secolo su questo pianeta, dovremo giocare di più”. Siamo una generazione di giocatori, che passa molte ore del proprio tempo libero sfruttando e alimentando la propria passione sui videogiochi. Si può quindi dire che, oltre al percorso didattico e scolastico intrapreso dalle elementari alle superiori, in quanto giocatori abbiamo intrapreso un percorso formativo parallelo, diventando a tutti gli effetti “esperti” videogiocatori.

Giocando si impara, soprattutto se il giocatore ragiona e riflette sulle strategie usate per superare il livello di gioco. Imparare diventa comprendere ciò che si sta facendo, solo così l’attività ludica diventa quindi attiva e funzionale. Solo così, tramite la metacognizione, il gioco diventa apprendimento.

Ringraziamo tutti quelli che si sono presentati alla talk e quelli che ci hanno sostenuto sui social!

Alla prossima

More to explorer

Videogiochi e senso morale – Quando la giustizia è in gioco

Giustizia in gioco La morale, intesa come l’insieme dei valori e delle norme da essi derivate che guidano il comportamento umano, è stata tradizionalmente un ambito della filosofia. Eppure essa è il prodotto di processi sociali e esperienze individuali. Possono

Remedy, Control e la narrativa disarmante

Non è la prima volta che parlo di narrazione in queste pagine. Il punto è che se ne parla sempre male o troppo poco, limitandosi a lodarla o biasimarla, senza mai andare in profondità ad analizzarla e a mostrare come,

Giocare ad aspettare? Il caso degli idle games

Mi diverto con niente Se chiedessimo ai non addetti ai lavori quale dovrebbe essere la caratteristica principale di un gioco, una delle risposte più comuni (per la disperazione degli studiosi di game design) sarebbe “deve essere divertente”. Con questo si

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI