Beyond the Castle: Apprendere nozioni storiche con la VR

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Pochi giorni fa, noi di Horizon Psytech siamo stati invitati da Marco Arena, CEO e founder di Beyond the Gate a provare un’esperienza educativa in VR al Castello Sforzesco di Milano.
L’esperienza, dal titolo “Beyond the Castle – Time to Make History“, ha lo scopo di insegnare a ragazzi e adulti come sia nato uno dei simboli più famosi di Milano: il Castello Sforzesco, per l’appunto. Dopo una passeggiata all’interno delle mura accompagnati da una guida, che ci ha menzionato alcune nozioni storiche riguardo il castello, ci siamo stabiliti all’interno di una stanza con sei postazioni adibite all’uso dell’HTC VIVE. Siamo stati posizionati ognuno al proprio posto così da settare gli strumenti per iniziare l’esperienza in realtà virtuale.

Immersi nella VR, il gioco ha lo scopo di farci impersonificare dei guerrieri milanesi del XV secolo che devono difendere le mura del castello dagli invasori presenti. I giocatori potranno destreggiarsi con due strumenti: un arco con frecce per scoccare colpi veloci e precisi o un cannoncino più lento ma con gittata e potenza maggiore. Dopo un breve tutorial che insegna al giocatore come usare al meglio gli strumenti da combattimento, si da il via all’assedio. Muovendosi in uno spazio di 3 metri x 3 metri, il giocatore dovrà schivare i colpi avversari riparandosi nella torre e passare al contrattacco, con lo strumento che predilige. Finita l’esperienza verrà conteggiato un punteggio ad ogni giocatore.

L’ultima parte dell’esperienza ci riporta all’esterno del castello, e avremo il compito di rispondere ad alcune domande fatte dall’intelligenza artificiale riguardo a nozioni che ci sono state spiegate in precedenza dalla guida e all’interno del videogioco.

In sintesi, l’esperienza, della durata complessiva di 40 minuti, ti accompagna all’interno delle mura sforzesche, insegnandoti nozioni e curiosità su Milano e sul Castello Sforzesco. E’ un’esperienza aperta a molti, bisogna avere infatti almeno 10 anni per poter partecipare.

Siamo stati sorpresi ed entusiasti nel vedere come possa venire sfruttata al meglio la tecnologia in VR per fare edutainment, ovvero imparare concetti complessi divertendosi.
Consigliamo a chi abita a Milano e provincia di andare a provare l’attività, sia per divertirsi con la realtà virtuale sia per apprendere cose nuove della propria città!

More to explorer

Videogiochi e senso morale – Quando la giustizia è in gioco

Giustizia in gioco La morale, intesa come l’insieme dei valori e delle norme da essi derivate che guidano il comportamento umano, è stata tradizionalmente un ambito della filosofia. Eppure essa è il prodotto di processi sociali e esperienze individuali. Possono

Remedy, Control e la narrativa disarmante

Non è la prima volta che parlo di narrazione in queste pagine. Il punto è che se ne parla sempre male o troppo poco, limitandosi a lodarla o biasimarla, senza mai andare in profondità ad analizzarla e a mostrare come,

Giocare ad aspettare? Il caso degli idle games

Mi diverto con niente Se chiedessimo ai non addetti ai lavori quale dovrebbe essere la caratteristica principale di un gioco, una delle risposte più comuni (per la disperazione degli studiosi di game design) sarebbe “deve essere divertente”. Con questo si

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI