Analisi: Sherlock Holmes di Frogwares

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Oggi analizzeremo i titoli di Sherlock Holmes targati Frogwares.

Si tratta di avventure grafiche in cui il giocatore è chiamato a vestire i panni dell’investigatore più noto nella letteratura per risolvere nuovi casi, incontrando personaggi come Arsenio Lupin e Jack lo squartatore.

Le avventure grafiche sono un genere videoludico nato come evoluzione delle avventure testuali. Quando si parla di avventura grafica i videogiocatori pensano principalmente alla LucasArts che ha dato modo di darci capolavori quali Grim Fandango e la serie di Monkey Island.

Questo genere ha sempre permesso al giocatore di dare sfoggio della propria logica per risolvere tutti gli enigmi e raggiungere la fine del gioco. Il modo migliore, quindi, per dare vita al personaggio di Sir Arthur Conan Doyle.

Il titolo presenta storie interessanti ed enigmi con una buona difficoltà. Il giocatore è portato ad osservare tutto ciò che lo circonda, dialogare con tutti i personaggi e svolgere le varie attività che porteranno il giocatore a risolvere il crimine o i crimini.

In cosa si discosta, quindi, dalle altre avventure grafiche?

Nei giochi di Sherlock Holmes il videogiocatore non si limita a cercare indizi e riunirli, specialmente negli ultimi titoli della saga, ma deve procedere seguendo una logica, mantenendo alta l’attenzione in ogni singolo istante e dialogo del gioco. Ogni parola, ogni gesto, ogni personaggio sono un indizio e un movente per il caso che si è portati a risolvere.

Il giocatore è trasportato nel mondo di gioco e le sue scelte cambiano il corso della storia. Se si sbaglia un indizio, un collegamento o si commette un errore il gioco non aiuta e il caso viene rovinato dando il fallimento della missione. La serie ci pone, quindi, in un nuovo modo di vivere la storia, siamo noi che abbiamo totalmente il controllo e ci ritroviamo, delle volte, anche a fare delle scelte morali mettendoci in dubbio con noi stessi. Capita che, in alcuni casi, il giocatore si ritrovi a domandarsi “è giusto condannarlo per il suo crimine oppure dovrei chiudere un occhio?” E la risposta non risulta mai essere semplice, soprattutto dopo aver vissuto tutto il caso, esserci entrati emotivamente e essersi messi nei panni della vittima.

In definitiva, vi consiglio di prendere in mano i giochi Frogwares di Sherlock Holmes. Sapranno darvi un buon livello di sfida e soprattutto molto a cui pensare, sia sulla risoluzione del caso che sulle vostre scelte e azioni… inoltre avrete sempre modo di dare uno sguardo alla bellissima Londra Vittoriana.

More to explorer

Ether One – Il videogioco che ci spiega le demenze

I ricordi sono la base di ciò che siamo. Sono ciò che ci permette di mantenere un senso unitario della nostra identità. L’idea di poterli rivivere, anche per poter cogliere significati diversi di quelle situazioni è un pensiero ricorrente in

Florence: gioie e dolori del primo amore

Florence è una di quelle piccole perle che spuntano di tanto in tanto nel panorama Mobile, ma che sanno subito ritagliarsi uno spazio per la cura quasi artigianale con cui sono fatti. Rilasciato nel 2018 per iOS e Android, vanta

E se la morte fosse la tua migliore amica? La parabola di Hades

Ah, Supergiant Games, non so quanti articoli dovrei scrivere in tuo onore per renderti giustizia.Dai creatori di Bastion, Transistor e Pyre è arrivata su Steam a Dicembre la loro ultima opera (dopo un anno di esclusiva di Epic Games), intitolata

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI