Videogiochi e Giappone: una nuova maschera

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Sono una persona figlia degli anni ‘90, cresciuta con i pregi e difetti dell’epoca. Un’era in cui si è vissuto un vero primo grande boom della “Giappo-Mania”, della cultura anime e di quei videogiochi che “ti rendono violento” provenienti dalla Terra del Sol Levante.

Cosa ci abbia trasmesso tutto quel flusso di tradizioni, stili grafici, costumi, gag e stranezze provenienti dal Sol Levante è presto detto: tanta curiosità, grosse aspettative e la speranza di visitare un giorno quel magico mondo dipinto con le più strane e fantastiche invenzioni.

Il Giappone si è sempre saputo vendere bene agli occhi del pubblico: un paese che in modi diversi ha saputo impacchettare i propri patrimoni culturali e la propria storia presentandoli a pompa magna e creando attorno a sé un’aura di mistica irresistibile bellezze.

Si tratta comunque di un Paese ricco di storia e tradizioni, ma il modo in cui si è entrati in contatto e a conoscenza del paese, l’immagine che si è di conseguenza vento a creare e tutto ciò che vi ruota attorno, sono stati manipolati e distorti in modo incisivo nel corso degli anni.

L’idea che oggi han tutti di “Giappone”, di ciò che può racchiudere in sé, dalla sua storia antica sino a quella moderna; giunge oramai attraverso i racconti dei mass media e la cultura pop, di cui quest’ultima ha smembrare e reinterpretato completamente un’anima stoica ormai svanita tramite l’innalzamento di una pura facciata pubblicitaria.

Il Giappone (e di riflesso gli USA e altre nazioni) tramite le sue opere cartacee (manga), le sue trasposizioni animate (anime) e ovviamente tramite i suo prodotti ludici (videogiochi) ha potuto presentarsi al mondo esterno con una nuova maschera, mutando così il proprio modo di porsi al mondo esterno; in questo caso privandosi della maschera minacciosa del kabuki (deterrente per restare isolazionisti puri) e indossandone una che ammiccasse all’occidente e ai paesi stranieri come quella di una qualsiasi mascotte, da Pikachu a Super Mario.

I videogiochi, dai cabinati, a quelli in cartuccia sino a quelli odierni, sono ormai costume diffuso nel tessuto sociale nipponico da decenni, giungendo oltreoceano da ambo le direzioni e divenuti strumenti di influenza oramai solidi e di grande impatto.

Il Giappone ha saputo sfruttare al meglio tale risorsa, inizialmente sotto il puro profilo economico, ma successivamente sotto anche quello di immagine e marketing.

La moda dei videogame si è così trasformata nel tempo in una forma di culto per questo popolo, con giornate pubblicitarie e fiere divenute come celebrazioni e riti, sedi di software house viste come templi sacri e mascotte o i loro stessi creatori celebrati come divinità.

Nella terra del sol levante si è venuta a creare una voragine, un netta discrepanza da ciò che desiderano mostrare (gli antichi principi e tradizioni, dall’etica del bushido alla spiritualità buddista, dalle tradizioni sacre shintoiste sino all’immagine della persona austera e imperscrutabile) a ciò che invece il popolo giapponese si è trovato ad essere in epoca moderna, un popolo anch’esso consumista e cambiato, diverso da quello che era un tempo.

Quella visione romantica del Samurai, dello shogunato, della marziale disciplina vista come salubre e che viene richiamata nell’immaginario di tutti quando si pensa a tali terre, è e resta una pura e semplice idea totalmente discordante dai tempi che corrono.

I videogiochi trattano e narrano vicende di fantasia o di realtà condite con ogni genere di sfumatura (da quella ironica a quella drammatica), e sono liberi da determinati preconcetti. Hanno il grosso pregio di poter trasmettere valori e messaggi che magari in altri modi non sarebbero stati efficaci o espressi appieno; ciò però porta anche a plasmare falsità veicolate, a esaltare luoghi e comportamenti che nella realtà possono risultare opprimenti, ma soprattutto a indottrinare una nazione stessa che si crogiola in ciò gli viene trasmesso, ossia stili di vita tramontati da tempo in un’epoca estranea e in contrasto con loro.

Nei videogiochi il popolo giapponese ha saputo però anche inserirvi il suo lato critico verso questo mondo, mostrandone in modo più o meno velato l’incoerenza che si è venuta a generare; mentre dal lato diametralmente opposto ci si ritrova con videogiochi in cui anche culture esterne da quella nipponica sono state fagocitate, mescolate e corrotte a loro piacimento rendendole proprie e mercificandole a loro volto.

In conclusione il videogioco negli anni ha svolto la sua funzione di messaggero, di ambasciatore di una nazione che si auto-celebra di tutti quei valori e costumi che sono stati punti in comune di tutti i popoli e contaminandosi di nuovi, richiamandone quindi la morale e gli insegnamenti che possono esser viste come condivisibili da tutti.

More to explorer

Videogiochi e senso morale – Quando la giustizia è in gioco

Giustizia in gioco La morale, intesa come l’insieme dei valori e delle norme da essi derivate che guidano il comportamento umano, è stata tradizionalmente un ambito della filosofia. Eppure essa è il prodotto di processi sociali e esperienze individuali. Possono

Remedy, Control e la narrativa disarmante

Non è la prima volta che parlo di narrazione in queste pagine. Il punto è che se ne parla sempre male o troppo poco, limitandosi a lodarla o biasimarla, senza mai andare in profondità ad analizzarla e a mostrare come,

Giocare ad aspettare? Il caso degli idle games

Mi diverto con niente Se chiedessimo ai non addetti ai lavori quale dovrebbe essere la caratteristica principale di un gioco, una delle risposte più comuni (per la disperazione degli studiosi di game design) sarebbe “deve essere divertente”. Con questo si

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI