Gli esport a Tokyo 2020

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Esport e sport insieme a Tokyo 2020 nelle prossime olimpiadi. O quasi. La posizione del CIO sugli esport è un misto di apertura e scetticismo. Thomas Bach, presidente del CIO, un anno fa in occasione dei Giochi asiatici aveva affermato che gli esport non diventeranno una disciplina olimpica a causa della loro natura violenta, in contrasto con i principi dello sport. Eppure Intel ha annunciato l’Intel World Open, torneo che si svolgerà i giorni precedenti l’Olimpiade in partnership con il CIO.

https://www.youtube.com/watch?time_continue=55&v=tUpwF5vU-iw

 

Calcio e lotta o Rocket league e Street Fighter?

Intel, una delle più rinomate aziende hardware del mondo, oltre a essere uno dei partner dei Giochi mettendo a disposizione la sua tecnologia, ha recentemente annunciato l’Intel World Open, torneo esport che precederà le Olimpiadi. I giochi scelti per tale evento sono Street Fighter V e Rocket League, con un montepremi totale di 500.000 dollari, suddivisi equamente tra i due. I titoli scelti probabilmente sono i più consoni nonostante non siano gli esport più seguiti: da una parte uno dei picchiaduro che ha fatto la storia che ricorda gli sport di combattimento e dall’altra un gioco di calcio con le macchine. Giochi accessibili e allo stesso tempo profondi per chi vuole essere competitivo, ma soprattutto fruibili a un pubblico vasto e non solo agli appassionati. È molto realistico pensare infatti che grazie a questa partnership qualche curioso non avvezzo ai videogiochi darà un’occhiata, come accade per gli sport minori nel corso dei Giochi.

 

Champions will rise

Chi parteciperà al torneo? Chiunque! I giocatori delle varie nazionali che verranno scelte si contenderanno un posto attraverso delle qualificazioni online prima (aperte a chiunque) e offline dopo. Le fasi finali delle qualificazioni si terranno a Katowice in Polonia a giugno per decretare quali paesi andranno a competere contro il Giappone per l’”oro”. Se vi ritenete bravi in uno di questi due giochi e amate la competizione cominciate ad allenarvi per questa occasione unica.

 

Intel ed esport

Intel non è nuova in investimenti tali nell’esport: da diversi anni è in partnership con ESL (Electronic Sports League), l’azienda più importante al mondo che organizza tornei di videogiochi, fornendo i propri prodotti per migliorare l’esperienza dei gamer. Un nome che spicca su tutti, l’IEM (Intel Extreme Masters), è arrivato alla tredicesima edizione. Nel 2018 una tappa dell’IEM si è svolta a PyeongChang, prima dei Giochi olimpici invernali, similmente a quanto accadrà a Tokyo. Allora si svolse un torneo di StarCraft II e vinse la canadese Scarlett.

 

Sport ed esport

Sempre in Asia e sempre in un evento sportivo l’esport si è fatto sentire. Estate 2018, Giochi asiatici, l’esport viene inserito come disciplina dimostrativa e non ufficiale. Arena of Valor, Clash Royale, Hearthstone, League of Legends, Pro Evolution Soccer e StarCraft II i videogiochi scelti. Nonostante gli atleti non abbiano vinto una medaglia vera è stato un passo importante per il riconoscimento dell’esport, contando anche che nella prossima edizione dei Giochi asiatici quell’oro potrebbe valere come tutti gli altri.

 

Fonti:

More to explorer

Se sei forte sali – Implicazioni psicologiche e metagame

Sin dagli albori di League of Legends esiste una frase che scuote l’intera community: “Se sei forte sali“. Queste quattro parole ormai iconiche, mai fuori moda, sono l’incubo di ogni summoner, e spesso costituiscono il tema principale di video su Youtube

Invecchiare videogiocando insieme: in Giappone il primo centro Esport over 60

L’universo del gaming è in continua espansione e coinvolge un bacino sempre più ampio ed eterogeneo di utenti. Nell’immaginario collettivo, la rappresentazione prototipica del videogiocatore è generalmente associata a caratteristiche quali la giovane età, il genere maschile e l’isolamento rispetto

Faccia a faccia con il Boss

Oggi abbiamo la fortuna di poter parlare con Mateo Bosnjak, un ragazzo ticinese di 23 anni che a suon di vittorie, sta scalando il ranking mondiale di FUT su FIFA20. Scopriamo qualcosa su di lui, sulla sua passione e sul

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI