HORIZON ALLA MILAN GAMES WEEK 2019!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Si è da poco conclusa l’edizione del 2019 della Milan Games Week a cui, ovviamente, non potevamo mancare.
Abbiamo avuto, infatti, il piacere e l’onore di far parte dello stand dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, da sempre attivo all’interno di manifestazioni, fiere e iniziative per diffondere la cultura psicologica.
In questa occasione abbiamo affiancato OPL nello “Sportello genitori: figli e videogiochi, come gestirli?”, per rassicurare i genitori che i videogiochi non sono un passatempo nocivo o diseducativo, ma che possono offrire spunti di riflessione e crescita personale per i ragazzi che ci giocano, oltre ad essere un ottimo strumento per migliorare la relazione tra genitori e figli. Questo e altri argomenti sono stati trattati nelle talk che OPL ci ha gentilmente concesso di gestire.

La mattina del primo giorno della Milan Games Week, venerdì 27 settembre, Ambra Ferrari ed Andrea Zanacchi si sono subito cimentati in una talk dal titolo “Le potenzialità dei videogiochi. Come possono migliorare le life skills”, seguita, nel pomeriggio, da un’altra discussione intitolata “Figli e videogiochi. Come migliorare la relazione in famiglia”, gestita, questa volta, in autonomia da Andrea.
Poco dopo, il dott. Mauro Lucchetta ha dato il via all’ambito Campionato Italiano Psicologi Videogiocatori, proseguito per tutte le giornate della Milan Games Week: lo psicologo, o la psicologa, capace di segnare il tempo più breve al meglio di due tentativi disponibili sul tracciato Vascello Nuvolante di Mario Kart 8, per Nintendo Switch, si è insignito dell’ambito titolo. La competizione ha riscosso un notevole successo di pubblico, grazie anche all’appassionata telecronaca del dott. Lucchetta, che non faceva mancare agli spettatori delle “pillole” di psicologia di grande interesse.

La giornata di sabato 28 settembre è stata aperta da Ambra Ferrari, che ha tenuto una talk dal titolo “La valenza educativa degli RPG: genitori, figli ed esplorazione identitaria”. Poco dopo è stato il turno di Giuseppe Virgilio, che ha gestito una talk intitolata “Le domande che i genitori fanno sempre sui videogiochi: educazione, salute e benessere”. Proseguendo la gestione dello Sportello genitori, l’ansia di proseguire nel Torneo si è fatta sentire e nel pomeriggio, dopo altre talk molto interessanti proposte da OPL, abbiamo potuto mettere nuovamente mano a Mario Kart per proseguire nella sfida.

Domenica 29, i nostri Gabriele Barone e Francesco Italiano, con macchina fotografica, telecamera e microfono, hanno avuto l’occasione di intervistare una cara conoscenza di Horizon Psytech, ovvero il dott. Francesco Bocci, curatore del libro Dentro il videogioco. Viaggio nella psicologia dei videogiochi e nei suoi ambiti applicativi, che potete acquistare sul nostro sito.
La Milan Games Week è stata un grande successo di ingressi anche quest’anno, ed è stata capace di far respirare quell’aria magica che solo i grandi eventi a tema garantiscono. Non possiamo che essere grati ad OPL e a tutte le persone che ci hanno accompagnato in questa avventura. Dei ringraziamenti particolari vanno anche a Marta Farina, responsabile della sezione Partnership ed eventi – OPL, per la disponibilità e la fiducia riposta nel team di Horizon Psytech.

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI