Combattere il Coronavirus con i videogiochi – Foldit

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il “Covid 19” e la sua psicosi dilagano in Italia.
Siamo in emergenza, le scuole sono chiuse e tutti cercano di trovare una soluzione, un vaccino, che possa debellare questo virus.
Scienziati e ricercatori lavorano a un ritmo incessante e l’università di Washington ha richiesto l’aiuto di tutti noi videogiocatori.
Come? Tramite il programma/videogioco Foldit.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facciamo un po’ di ordine e spieghiamo un po’ questo progetto.

Foldit nasce nel 2008 dall’unione dei dipartimenti di Scienza e Ingegneria informatiche, Biochimica e il Center for Game Science, con lo scopo di unire gli studi sulle proteine, l’intuito umano nella risoluzione di enigmi e la possibilità di implementare le simulazioni umane nel software aggiornando quindi l’intelligenza artificiale.

Il titolo dal 2008 ad oggi ha continuato ad avere aggiornamenti, enigmi e puzzle sempre diversi alzando sempre di più il grado di sfida per i giocatori arrivando ad avere, nel 2016, una versione più professionale (dando quindi una terminologia standard e utilizzando strumenti per biochimici professionisti).

Gli enigmi e i puzzle spesso sono creati da ricercatori in cerca di aiuto contro alcune importanti malattie. Ogni giocatore totalizza un punteggio su come crea la proteina e quanto questa sia idonea e efficace alla richiesta. Inoltre gli utenti possono lavorare in team creando dei gruppi e dei brainstorming.

Il gioco è talmente efficace e utile che i ricercatori vedono di buon grado l’uso dello strumento per trovare soluzioni e perché no, scoprire anche delle persone competenti in grado di fare la differenza, basti pensare che nel 2011 gli utenti, in 10 giorni, hanno decifrato la struttura del Mason-Pfizer un virus in grado di creare infezioni di immunodeficienza negli uomini come l’HIV. La struttura era irrisolta sin dalla sua scoperta… ovvero 15 anni prima.

Oggi il nuovo puzzle è il Covid 19 e tutti noi potremmo provarci, anche solo per divertimento e per imparare anche qualcosa di biologia o per mettere alla prova il nostro intuito perché, anche se di poco, tutti risulteremmo utili.

Vi lascio il link del sito del gioco qui.

More to explorer

Il Gamer Regret, ovvero il rimpianto del giocatore: cos’è?

A quanti noi videogiocatori è capitato di aver rimpianto tante ore spese davanti ad un videogioco? Inutile mentire, a molti di noi è successo. Per giocare ad un videogioco siamo scesi un po’ a compromessi, rinunciare ad andare al mare

I videogiochi possono far superare la dissonanza cognitiva?

Quando si prendono delle scelte, si devono affrontare delle conseguenze, positive o negative. Quante volte non si coglie il vero valore della scelta? Un tempo limitato e minimo per capire come agire al meglio e per capire cosa potrebbe accadere

Regolare le emozioni con i videogiochi

Le emozioni dei videogiocatori sono spesso viste come il frutto di uno stimolo che parte dallo schermo e arriva ad una persona passiva. Eppure la grande differenza del videogioco rispetto ad altri media digitali è nel suo permetterci una interazione

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI