La libertà di scelta: perché ci manca?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Avrete sicuramente letto sui social, in questo periodo delicato, citazioni che ripetono sempre la stessa identica cosa: “Prima eravate sempre chiusi in casa, perchè ora avete voglia di uscire?”. Avrete anche sicuramente letto le successive polemiche tra chi, giustamente, dice che dobbiamo stare in casa per proteggerci e chi vuole per forza uscire anche fuori dallo stretto necessario.
Ma vi siete chiesti come mai, ora che abbiamo il tempo e l’opportunità di gustarci Netflix, Amazon Prime e tutti i videogiochi che possediamo, alcuni di noi non si sentono comunque soddisfatti?

Io sì e nel pensarci ho pensato ad una possibile risposta: ci manca la libertà di scegliere.

 

Esiste una teoria psicologica riguardo questo nostro bisogno di libertà e di aggregazione, soprattutto quando, per cause di forze maggiori, questi vengono a meno: “La piramide dei bisogni di Maslow“.

Secondo questa teoria i nostri bisogni assumono il ruolo di una piramide dove i bisogni basilari (i così detti bisogni fisiologici come alimentazione, sonno) sono necessari per i bisogni di gradi più elevato fino a raggiungere la punta della piramide con i bisogni di “Autorealizzazione”

Ma cosa accomuna questa teoria con il nostro desiderio di libertà? Il terzo grado di questa piramide corrisponde ai bisogni di “Appartenenza” e comprende quei bisogni necessari al nostro vissuto sociale (le amicizie, il partner, l’appartenenza sociale). Ritrovandoci in un momento in cui non possiamo realizzarci in quel grado, non potremmo raggiungere l’autorealizzazione perciò, sia per ricerca di appartenenza che per malessere personale tendiamo a voler uscire dalle nostre abitazioni per incontrarci (questo spiega anche il perché dei flashmob sui balconi: pura e semplice appartenenza ad un gruppo).

Quindi come possiamo ricercare l’appartenenza in questo momento in cui siamo limitati? I videogiochi ci danno un enorme aiuto con le competizioni online in cui tutti possono interagire e parlare con amici e farsene di nuovi vivendo diversi tipi di avventure… e potete venire a giocare in live on noi dello staff a PokéMMO! o, anche, aiutare la ricerca giocando a Foldit (come è stato detto in questo articolo)

More to explorer

L’ottimizzazione, o morte del divertimento

“Given the opportunity, players will optimize the fun out of a game.” Questa è una celebre citazione del 2011 di Soren Johnson, game designer di Civilization. “Data l’opportunità, i videogiocatori ottimizzeranno il divertimento fuori dal gioco.” Un concetto che può

SQUID GAME: IN ARRIVO IL VIDEOGIOCO

La serie tv di Netflix “Squid Game” ha spopolato in tutto il mondo. Gli autori di Netflix hanno annunciato che diventerà presto un videogioco. Se siete finiti qui è perché da veri fan della serie tv, non volete perdervi tutte

Il Gamer Regret, ovvero il rimpianto del giocatore: cos’è?

A quanti noi videogiocatori è capitato di aver rimpianto tante ore spese davanti ad un videogioco? Inutile mentire, a molti di noi è successo. Per giocare ad un videogioco siamo scesi un po’ a compromessi, rinunciare ad andare al mare

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI