InnerSloth e Among Us

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Among Us è un titolo che recentemente ha fatto molto parlare di sé, sia per la sua originalità che per l’enorme varietà di situazioni divertenti che sa creare.

Meno conosciuto è il produttore che l’ha sviluppato, perciò facciamo un po’ di luce su questo developer, vi sorprenderà!

Chi ha sviluppato Among Us?

Il nome dello sviluppatore è InnerSloth, che tradotto significa “Pigrizia Interiore”.

Lo studio nasce dall’idea di ForestWillard e Marcus Bromander, due amici dai tempi del college che una volta finiti gli studi decisero di sviluppare videogames. Per farlo unirono le proprie competenze, infatti uno era bravo a programmare mentre l’altro sapeva disegnare. Pochi anni dopo si unì al team Amy Liu, che andò a rinforzare il comparto artistico. Lo studio ora era al completo, con un totale di… sole tre persone!

Come nasce Among Us?

Among Us fu per loro un piccolo successo, ovviamente prima di diventare il fenomeno che è adesso. Uscì nel 2018 per smartphone e supportava solo il multiplayer locale. Non c’erano ulteriori piani per il suo futuro, tant’è che Forest in un’intervista affermò:

Lo abbiamo ripreso e poi abbandonato diverse volte. Voglio dire, la visione originale era solo multiplayer locale. Lo abbiamo prodotto e rilasciato, eravamo al punto in cui ci dicemmo ‘ecco, abbiamo finito. Ora inizieremo a pensare al prossimo gioco‘”

All’ultimo momento decisero che il progetto meritava un ulteriore aggiornamento, fu così che Among Us approdò su PC e venne dotato di multiplayer online

Perché ora è così famoso?

InnerSloth era uno studio troppo piccolo per permettersi una campagna pubblicitaria su larga scala come quelle che siamo abituati a vedere. Il caso vuole che Among Us fosse un gioco incredibilmente divertente da guardare (oltre che da giocare) e attirò l’attenzione di un numero sempre maggiore di streamer. Chi non si è divertito a guardare il proprio streamer preferito alle prese con discussioni, astronavi e impostori vari?

Fu soprattutto questo l’elemento che permise ad Among Us di raggiungere il suo attuale successo.

Parlando di dati il gioco passò dall’avere nei primi sei mesi una media di 25 giocatori attivi all’incredibile cifra di settembre 2020, la quale contava quasi 400 mila giocatori su Steam. L’ammontare di utenti giornalieri era addirittura di 60 milioni!

E adesso?

Volete sapere cosa succede dopo? Guardate il video qua sotto per scoprire qualche nuovo (e divertentissimo) particolare:

 

Principali fonti bibliografiche:

https://www.google.com/amp/s/www.essentiallysports.com/the-success-of-among-us-explained-through-data-innershoth-news-esports/amp/

https://www.google.com/amp/s/kotaku.com/among-us-improbable-rise-to-the-top-of-twitch-1844986025/amp

https://www.google.com/amp/s/www.escapistmagazine.com/v2/among-us-devs-have-created-a-gaming-phenomenon-albeit-two-years-after-it-launched/amp/

More to explorer

Hollow Knight e Psicologia: tra luce e coscienza

Questa seconda puntata della rubrica dedicata agli elementi di psicologia presenti nel videogioco Hollow Knight si focalizzerà sul tema della coscienza. Se la sfida dell’articolo precedente (che potete trovare qui) è stata quella di descrivere brevemente il titolo in questione,

percezione

Superliminal: la nostra percezione del mondo è reale?

“Mentre una parte di ciò che noi percepiamo viene dagli oggetti che ci stanno dinanzi, attraverso i nostri organi di senso, un’altra parte (ed è possibile sia la parte maggiore) proviene sempre dal nostro cervello.” (William James,1890) Superliminal. In una

ICO e De Chirico: la metafisica nel videogioco

Se Giorgio De Chirico avesse vissuto tanto a lungo da poter diventare un gamer avrebbe sicuramente apprezzato ICO. questo videogioco è stato infatti uno dei primi a essere considerato una vera e propria opera d’arte, ispirato in particolare alla corrente

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI