BODY SWAPPING IN REALTÀ VIRTUALE

Facebook
Twitter
LinkedIn

La realtà virtuale (VR) continua a spingere in confini dell’esperienza umana introducendo innovative modalità di interazione e connessione. A questo proposito, una grande e interessante innovazione riguarda l’esperienza del “body swapping” in realtà virtuale (VR). Essa consente agli utenti di vivere la prospettiva e l’esperienza fisica di un corpo differente dal proprio. In questo contesto, il presente articolo vuole esplorare come il body swapping in realtà virtuale possa essere utilizzato come strumento terapeutico, offrendo un’analisi delle applicazioni cliniche e del suo impatto.

Body swapping: di cosa si tratta

Il termine “body swapping” detto anche “scambio di corpo” fa riferimento ad una concezione o a un’esperienza in cui la persona ha la sensazione di occupare o vivere nel corpo di un’altra persona. Questo tipo di esperienza viene spesso esplorata nel contesto delle esperienze in realtà virtuale.

Nel contesto della realtà virtuale (VR), il body swapping diventa una simulazione in cui un individuo indossa un dispositivo VR e percepisce il corpo virtuale come se fosse il proprio. La tecnologia coinvolta può includere sensori avanzati, interfacce neurali o altre tecnologie che consentono all’utente di controllare e percepire un corpo virtuale in modo realistico. Difatti, i progressi della tecnologia di stimolazione multisensoriale permettono di indurre sperimentalmente la visione di un intero copro virtuale anche da una prospettiva in prima persona.

In sostanza, il body swapping esplora la possibilità di vivere o percepire il mondo attraverso un corpo diverso, sia nella finzione che nell’ambito delle esperienze virtuali. Difatti, possono essere creati diversi ambienti virtuali con le più complesse scene, anche molto simili a quelle della vita quotidiana. Questi ambienti consentono un controllo completo sugli stimoli erogati tanto da poter essere considerati dei luoghi sicuro in cui le persone possono affrontare situazioni temute senza rischi. Questo può essere utilizzato in vari contesti, come l’educazione, l’intrattenimento o nelle applicazioni terapeutiche cliniche.

body swapping in realtà virtuale

Body swapping ed empatia

Il body swapping in realtà virtuale (VR) può giocare un ruolo significativo nella promozione dell’empatia. Questa esperienza immersiva consente agli individui di percepire e interagire con il mondo attraverso il corpo virtuale di un’altra persona, facilitando una comprensione più profonda delle esperienze e delle sfide vissute dagli altri.

Tramite il body swapping gli individui possono letteralmente camminare nei panni di un’altra persona, sperimentando, così, il mondo della prospettiva del corpo virtuale scelto. Ciò può favorire una prospettiva più empatica nei confronti delle esperienze quotidiane, delle sfide personali e delle emozioni altrui. Inoltre, sperimentare la vita attraverso un corpo virtuale può aiutare a comprendere meglio le difficoltà fisiche, emotive e sociali di un’altra persona. In tal senso, questa comprensione più approfondita una maggiore empatia verso le sfide e i disagi che l’altra persona può affrontare.

In sintesi, il body swapping in realtà virtuale (VR) può costituire un mezzo potente per coltivare l’empatia, permettendo alle persone di sperimentare e comprendere in modo più completo le vite degli altri, con potenziali impatti positivi sulla comunicazione, sulla comprensione reciproca e sul benessere sociale.

Body swapping: applicazioni cliniche

Le applicazioni cliniche del body swapping in realtà virtuale (VR) sono innovative e stanno emergendo come un potenziale strumento terapeutico in diversi ambiti come, ad esempio, il trattamento dei disturbi alimentari, del dolore cronico e del disturbo post traumatico da stress.

L’uso del body swapping in realtà virtuale (VR) per il trattamento dei disturbi alimentari, come l’anoressia nervosa o la bulimia nervosa, rappresenta una prospettiva interessante e innovativa. Tuttavia, è importante notare che la ricerca in questo campo è ancora in fase iniziale e molte delle applicazioni potenziali stanno emergendo attraverso esperimenti e prove preliminari.

In tale contesto, il body swapping nella VR può essere utilizzato per modificare la percezione del corpo del paziente, favorendo una visione più realistica e positiva di sé. Tramite questa esperienza i pazienti possono percepire virtualmente il loro corpo in modi diversi diversi, favorendo una revisione positiva dell’immagine corporea. Ciò permette di contribuire a contrastare le distorsioni dell’immagine corporea comune nei disturbi alimentari.

Body swapping: aspetti conclusivi

L’utilizzo del body swapping in realtà virtuale emerge come una prospettiva rivoluzionaria con notevoli implicazioni nella pratica clinica e terapeutica. L’impiego di un’esperienza di questo tipo risulta avere un notevole potenziale nelle applicazioni cliniche, dal trattamento dei disturbi alimentari al dolore cronico. Sono diversi gli studi che evidenziano risultati significativi nella percezione corporea e nell’efficacia terapeutica.

In conclusione, il body swapping nella VR si configura come un’innovazione promettente che potrebbe trasformare il panorama terapeutico, offrendo approcci più coinvolgenti e personalizzati per il benessere fisico e mentale.

Bibliografia

Serino, S., Pedroli, E., Keizer, A., Triberti, S., Dakanalis, A., Pallavicini, F., … & Riva, G. (2016). Virtual reality body swapping: a tool for modifying the allocentric memory of the body. Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking, 19(2), 127-133.

Ventura, S., Miragall, M., Cardenas, G., & Baños, R.,M. (2022). Predictors of the Sense of Embodiment of a Female Victim of Sexual Harassment in a Male Sample Through 360-Degree Video-Based Virtual Reality. Frontiers in Human Neuroscience, https://doi.org/10.3389/fnhum.2022.845508

Serino, S., Polli, N., & Riva, G. (2019). From avatars to body swapping: The use of virtual reality for assessing and treating body-size distortion in individuals with anorexia. Journal of clinical psychology75(2), 313–322. https://doi.org/10.1002/jclp.22724

Serino, S., Pedroli, E., Keizer, A., Triberti, S., Dakanalis, A., Pallavicini, F., Chirico, A., Riva, G., (2016). Virtual Reality Body Swapping: A Tool for Modifying the Allocentric Memory of the Body. CYBERPSYCHOLOGY, BEHAVIOR AND SOCIAL NETWORKING,  19 (2): 127-133. doi:10.1089/cyber.2015.0229

More to explorer

Educazione digitale delle emozioni: la missione di Emotion 3.0

Il tema dell’educazione digitale delle emozioni è un campo di ricerca sempre più in espansione. Sfruttare le potenzialità delle tecnologie digitali al servizio dello sviluppo umano rappresenta un punto cruciale per il campo dell’innovazione in campo psicologico. L’educazione digitale delle

Dall’amore al reato, dal Sexting al Revenge Porn.

Con la diffusione degli smartphone, si spalancano nuove frontiere al mondo dell’amore. Il fenomeno più in voga in questo momento è sicuramente il sexting. Il sexting è un inglesismo composto dalla crasi delle parole sex (sesso) e texting (messaggiare) e

Riconoscere le Fake News: Informarsi Giocando

Mass media, Internet, e Fake News Il mondo dell’informazione ha subìto una trasformazione radicale negli ultimi decenni. Nell’era di Internet, il moltiplicarsi delle fonti di notizie e della quantità di informazioni disponibili ha portato, da un lato, ad una concorrenza

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI