Feels: XCOM

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Come l’articolo precedente su Halo, anche qui racconterò di momenti della mia vita di videogiocatore che mi sono rimasti particolarmente impressi per le emozioni suscitatemi.

L’articolo NON contiene spoiler per la trama di XCOM 2 (2016)

Non tutti i videogiochi hanno bisogno di trame da Oscar per farci legare ai suoi personaggi, e altri nemmeno di dialoghi ben scritti o cutscene emozionanti: per me questo è il caso di XCOM, nello specifico il 2 grazie alla sua funzione “Riserva personaggi”.

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Certo, nessuno ci obbliga a ricreare persone esistenti…

XCOM 2 è un gioco strategico a turni, nel quale si comanda una squadra di 4-6 elementi dando ordini ai singoli soldati per contrastare la minaccia di una coalizione aliena. Prima ancora di avviare una partita, il gioco ci permette di crearci una serie di personaggi personalizzabili da far apparire come nostre reclute; potremo impostare nome, cognome, soprannome, nazionalità, voce, aspetto fisico, abbigliamento e altro ancora di ogni singolo soldato che andremo a creare. Prima di rendermene conto, avevo creato quasi quaranta personaggi diversi, decidendo di dare loro il nome di amici e conoscenti. Prima di avviare il gioco c’è ancora un’altra opzione che rende il tutto più celebrale: la modalità Hardcore che, indipendentemente dal livello di difficoltà selezionato, disattiverà la possibilità di salvare o caricare la partita ed effettuerà salvataggi automatici per ogni più piccola azione compiuta, costringendoci quindi a considerare bene le nostre scelte e rendendo ogni errore tattico definitivo, senza possibilità di tornare a un checkpoint. Una volta avviata finalmente la partita ci ritroviamo a disposizione una dozzina di soldati selezionati casualmente tra quelli della riserva, mentre gli altri restano disponibili ad essere assunti in un secondo momento caso di necessità o come ricompensa per lo svolgimento di determinate missioni. Visto che i miei personaggi non erano degli npc macchietta ma li avevo creati uno a uno, il coinvolgimento per le loro sorti è diverso rispetto ad altri videogiochi: man mano che si affrontano le missioni e si definiscono i ruoli per cui ogni soldato è più portato, comincio a crearmi delle preferenze, le ferite subite fanno restare alcuni per lunghi periodi in infermeria e lontano dall’azione costringendomi così a lasciare alla base i miei veterani preferiti per portare invece reclute inesperte. Ogni vittoria e ogni azione memorabile così hanno un valore affettivo diverso, in quanto sono collegabili non a un personaggio creato dagli sviluppatori che segue uno script definito a priori ma a un avatar che diventa quasi individuo.

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

Comandante, la cattiva notizia è che non ci sono buone notizie.

Quando un soldato cade in azione, infine, può essere una perdita non rimpiazzabile: si perdono le ore investite a sviluppare le sue abilità, il morale dell’intera squadra crolla, rischiando di mandare qualcuno dei membri nel panico, non permettendoci più di controllarlo per qualche turno; rimane un buco nei ruoli coperti rischiando di compromettere l’intera missione (e nei casi più gravi la campagna) e soprattutto si perde tutta la storia che ci si era creati per questo personaggio. Quando avvio una nuova campagna, alcuni miei amici si informano delle sorti delle loro controparti virtuali e conoscono quelle tesissime attese infinite prima di prendere una decisione, quando ci si rende conto di aver fatto muovere incautamente un soldato facendolo avvistare da 4 alieni diversi: si valutano decine di soluzioni possibili cercando quella che permetta di salvargli la pelle, per poi magari rendersi conto che non c’è.

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI