Call of Cthulhu – Sconfina nella follia!

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Ogni anno il panorama videoludico si arricchisce di giochi di ogni genere e categoria (gdr, fps, ecc.). Questo ottobre, in tempismo perfetto con Halloween, è stato dato alla luce un nuovo capitolo di una saga horror forse poco conosciuta e da tempo mancante di uscite: stiamo parlando del nuovo Call of Cthulhu per Playstation 4. Evitando di spoilerare a chi magari vuole goderselo, vediamo i vari aspetti del gioco

Come è logico aspettarsi dal titolo, Call of Cthulhu trae spunto dalle ambientazioni dei racconti dello scrittore statunitense H. P. Lovecraft, conosciuto soprattutto per la serie di racconti comunemente raccolti nei cosiddetti Miti di Cthulhu o Ciclo di Cthulhu.

 

Indipendente dai capitoli precedenti di cui condivide le atmosfere (“Call of Cthulhu: Shadow of the Comet”, “Call of Cthulhu: Prisoner of Ice” e “Call of Cthulhu: Dark Corners of the Earth”) questo nuovo capitolo vede il giocatore nei panni di Edward Pierce, ex soldato ora investigatore privato mentalmente segnato dalla guerra, ingaggiato da un uomo d’affari per indagare sulla morte della figlia nella città portuale di Darkwater. Per risolvere il caso, egli dovrà parlare con persone sconosciute, raccogliere oggetti e risolvere enigmi.

 

La prima idea di quello che sarà lo scopo del gioco è data dalla schermata iniziale, dove la consueta frase “premi start per avviare” è stata sostituita da sconfina nella follia. Come per “Dark Corners”, infatti, il nostro investigatore ha un indicatore di sanità mentale: è caratteristica comune nei racconti di Lovecraft che il protagonista rimanga sconvolto a tal punto da perdere la ragione.

Caratteristica che contraddistingue il nuovo Call of Cthulhu dai precedenti è la presenza di dialoghi a scelta multipla e a tempo, caratteristica di molti gdr recenti come The Witcher 3, e una schermata di livellamento delle abilità. Aumentando capacità quali Forza, Eloquenza, Investigazione, Medicina, Fiuto, Occultismo e Psicologia, il giocatore avrà accesso ad altre risposte ed interazioni: ad esempio un elevato punteggio Fiuto consente di trovare un numero maggiore di oggetti nascosti, mentre Eloquenza permette di raggirare l’interlocutore durante i dialoghi.

 

Aspetto fondamentale di questo titolo è l’ambientazione. Come per i racconti lovecraftiani, questo gioco non si basa sul terrorizzare il giocatore (non troverete il nuovo Outlast, se vi aspettate questo), ma è incentrato sul procurare ansia e tensione a chiunque decida di cimentarsi in questa avventura. Per fare ciò, oltre ad una colonna sonora fatta di note cupe e distortegrammofonipianoforti, il gioco si serve di ambienti cari a tutto il panorama horror, come caverne e manicomi. Ruolo importante in tutto ciò lo assume anche la luminosità ambientale: l’investigatore, per farsi strada nelle zone più buie, potrà servirsi di un accendino e di una lampada ad olio, ma il fatto che l’olio si consumi contribuisce al senso di angoscia.

Inoltre, rispetto a Dark Corners of the Earth che a tratti rasenta l’action game per la presenza di armi, questo nuovo capitolo rientra nella categoria delle avventure grafiche e il giocatore non avrà alcuna arma a disposizione se non in brevissimi istanti di gioco.

Come ogni avventura grafica che si rispetti, anche in Call of Cthulhu il finale non è scontato. A seconda delle scelte compiute, degli oggetti trovati e delle abilità di Pierce, il giocatore avrà accesso a quattro diversi finali più o meno tragici (non voglio mentire, i racconti di Lovecraft che finiscono bene sono davvero pochi).

A questo punto, non vi resta che vestire i panni di Edward Pierce ed imbarcarvi in questa discesa nella follia!

 

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI