Analisi: What remains of Edith Finch

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Con i giochi gratuiti distribuiti da Playstation ho avuto modo di poter giocare a “What remains of Edith Finch”. Il titolo è un walking simulator, in cui giocheremo nei panni di Edith Finch, una ragazza diciassettenne alla ricerca della verità riguardante la sua famiglia e le sventure che si sono avventate su di loro.

Il gioco non ha un gameplay complesso… beh non ha un vero e proprio gameplay: il giocatore deve solo muovere Edith e interagire con gli oggetti di interesse per scoprire le verità.

La cosa più importante del gioco è la scoperta, il voler sapere la verità, il perché sono capitate tutte quelle cose alla sua famiglia. Il gioco ci pone davanti a due tematiche importanti: la morte e la conoscenza.

Iniziamo parlando della morte, la tematica principale. La famiglia Finch è inseguita dalla morte, tutti i suoi membri arrivati ad un certo punto della loro vita, che varia da membro a membro, si ritrova a fare i conti con la morte, tutti in maniera diversa. Il lutto e la consapevolezza della fine della vita, misto a pensieri più filosofici ci fanno capire che le varie morti alcune volte fungono da libertà per i personaggi. Tutte diverse, tutte importanti che portano lo spettatore a fare i conti i sentimenti che lo spettatore prova nell’osservare, nello scoprire quelle storie amare, la loro vita, il loro umorismo e il loro carattere. Il bello di questo gioco è proprio il fatto che i personaggi li inizi a conoscere, non ti dicono solo le loro morti ma anche le loro vite e i loro pensieri.

Ed è proprio in questo punto che si collega la tematica della morte alla tematica della conoscenza. La protagonista, lo spettatore, vuole conoscere, scoprire la verità, scoprire come sono morti tutti e perché, se esiste un perché, se di base c’è una maledizione o solo una sfortuna. Lungo tutto il corso del gioco la protagonista esporrà varie volte il suo desiderio di conoscenza, di scoperta e questo il punto focale del gioco, forse più della morte. La voglia che, nonostante tutto, la richiesta della verità è più importante e non solo per ricordare la famiglia, ma proprio per debellare l’ignoranza, sapere a cosa si va incontro fino a raggiungere quel finale che chiude il cerchio.

In conclusione, What remains of Edith Finch è un titolo adatto a quei giocatori che cercano una storia, che vogliano viaggiare nell’introspezione dei personaggi e per domandarsi se è giusto sapere la verità o, in alcuni casi, chiudere gli occhi e vivere nell’ignoranza.

More to explorer

Videogame e apprendimento: La lezione Green di SimCity

Il panorama videoludico è potenzialmente infinito, costellato da numerosissimi generi, alcuni più  classici, altri più sperimentali. Fra i generi più giocati da tutte le fasce di età sicuramente ci sono i “Gestionali” e specialmente i “City Builders“, dei quali il

I valori del gruppo: il ruolo della gang in Red Dead Redemption 2

Red Dead Redemption 2, videogioco western del 2018 sviluppato e pubblicato da Rockstar Games, ha tenuto incollati allo schermo milioni di videogiocatori grazie ad una trama emozionante, un’ambientazione Far West curata in maniera maniacale ed una colonna sonora eccezionale. L’aspetto

InnerSloth e Among Us

Among Us è un titolo che recentemente ha fatto molto parlare di sé, sia per la sua originalità che per l’enorme varietà di situazioni divertenti che sa creare. Meno conosciuto è il produttore che l’ha sviluppato, perciò facciamo un po’

Scrivi un commento