ITeSPA lancia il primo corso per diventare sportivi elettronici! Ad Horizon le ore di psicologia dei videogiochi!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Tutti, da bambini, abbiamo sognato almeno una volta di fare tornei di videogiochi. Di vincere, di diventare famosi e di vivere seguendo la nostra passione. Ebbene se quel sogno non è ancora svanito ora c’è la possibilità di trasformarlo il realtà! ITeSPA (italian e-sport association) ha infatti da poco lanciato il primo corso di formazione italiano per diventare sportivi elettronici!

Questo primo corso è rivolto ai giocatori di League Of Legend, ma con ogni probabilità sarà il primo di una lunga serie, così da estendere l’offerta anche ad altri giochi competitivi. Esso avrà durata di 35 ore, spalmate tra i 30 giorni di corso effettivo. Le lezioni saranno in orario serale e si terranno principalmente online, così da permettere ad appassionati di tutta Italia di connettersi e di seguire il tutto. Alla fine del seminario sarà rilasciato un certificato, o diploma, riconosciuto da vari enti, tra cui l’Ente di Promozione Sportivo – Movimento Sportivo Popolare Italia, la Federazione Internationale di e-Sport (IeSF) e il World e-Sports Consortium (WeSCO).

Insomma un evento innovativo e avanguardistico nel quale Horizon Psytech non poteva chiaramente mancare. Proprio alla nostra società infatti sono state affidate le ore di psicologia degli e-sport, materia fondamentale soprattutto in ottima formativo preventiva, in quanto spiega i meccanismi psicologici che si attivano in-game, oltre a comprendere tutta la parte di preparazione mentale.

Come detto, se il tuo sogno da bambino era quello di diventare un videogiocatore professionista, questa è l’occasione che stavi aspettando! Perciò, clicca i seguenti link per saperne di più o per iscriverti direttamente al corso.

More to explorer

Il caso Blizzard-Chung

Lo scorso weekend si sono tenuti a Taipei i tornei Grandmaster di Hearthstone, noto gioco online di carte virtuali. Protagonista di questa manifestazione è stata però la dichiarazione di uno dei giocatori, Chung «Blitzchung» Ng Wai, che al termine di

ESPORT: NON È UNA QUESTIONE DI GENERE

Nel ormai lontano 2001 iniziai a giocare online su piattaforma Xbox e solo nel 2016 entrai nel team e-Sportivo TeS Furies capitanato da Michela “Banshee” Sizzi per competere sul titolo Call Of Duty Black Ops 3. Un’avventura intensa e profonda

Gli esport a Tokyo 2020

Esport e sport insieme a Tokyo 2020 nelle prossime olimpiadi. O quasi. La posizione del CIO sugli esport è un misto di apertura e scetticismo. Thomas Bach, presidente del CIO, un anno fa in occasione dei Giochi asiatici aveva affermato

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI