FAR FROM NOISE – L’oceano è bello anche se domani vi sarò sepolto

Facebook
Twitter
LinkedIn

Ti trovi nella tua macchina. Dopo tutto quello che ti è successo, hai deciso di fare un giro, lontano dal rumore. Hai scelto di guidare fino all’oceano, per goderti la vista sulle onde. Il vento che soffia, il sole che cala. È tutto così tranquillo, eppure sei ad un passo dalla morte.

Perché la tua vecchia macchina ha deciso di creare problemi nel momento sbagliato, e adesso è in bilico sulla scogliera a picco sul mare. Non puoi muoverti, o l’equilibrio verrà spezzato e rischierai di precipitare.

Intorno a te, nessuno. Solo il silenzio, il rumore dell’oceano e te stesso: “perpetuamente te, perpetuamente lì, in perpetuità”. Adesso la tua macchina è tutto il tuo mondo. All’improvviso una voce giunge a te: “Nessuno al mondo è felice se non gli esseri che godono liberi di un vasto orizzonte“.  Ti guardi intorno, ma accanto a te c’è solo un grosso cervo che, lucido e maestoso, scruta la linea del tramonto. “Nessuno al mondo è felice se non gli esseri che godono liberi di un vasto orizzonte” ripete la voce.
Cosa faresti in questa situazione? Che cosa penseresti?

Far From Noise non è un gioco. È un’esperienza di un’ora e mezza, unica e potente. Siamo noi di fronte allo schermo, che ci confrontiamo con il vuoto, il fallimento, la solitudine. Con un silenzio ed una pace che si fanno opprimenti fino a schiacciarci con il loro enorme peso. La vita e la morte. Di fronte a tutto questo, se non ti senti piccolo non stai guardando abbastanza lontano.

Sei bloccato in una macchina, eppure fuori c’è un intero mondo, così vicino ed eppure così lontano. Ogni movimento comporta un rischio, ogni passo nella vita il pericolo di cadere nel vuoto. Eppure noi abbiamo un grande potere in tutto questo: possiamo dare significato a ciò che accade, anche se per farlo dobbiamo guardarci indietro, prendere tempo, darci spazio. E allora le distanze non significano più nulla, le stelle sono vicine quanto il cervo fuori dal tuo finestrino, e la luna è dietro di te, appena fuori dalla tua visuale.

Fai le tue scelte, scrivi la tua storia: cosa risponderai alla voce? Tu riuscirai ad uscire dalla macchina? Hai mai pensato di uscire dalla macchina? Hai mai pensato di essere libero di farlo?

Un’altra libertà irraggiungibile: Presentable Liberty
Un’altra storia di fallimento: Night in the Woods

More to explorer

Pokémon leggende Arceus: emozioni alla scelta

Mi è capitato di trovarmi di fronte ad una polemica, l’ennesima sui social.  Con l’uscita di Pokèmon leggende Arceus, le emozioni suscitate hanno diviso il web, come accade praticamente per tutto (particolarmente quando si tratta di un titolo Pokèmon), i

Religione e mitologia in Horizon Zero Dawn

A pochi giorni dall’uscita del nuovo capitolo della saga, Horizon Zero Dawn: Forbidden West vorrei proporre nel seguente articolo una chiave di lettura alternativa dell’universo di gioco del primo capitolo della saga.  Basandomi su un articolo accademico pubblicato da Rebekah

Hollow Knight e Psicologia: il sogno

Il quarto articolo della rubrica sugli elementi di psicologia presenti in Hollow Knight affronta la questione del sogno. La tematica psicologica del sogno è rintracciabile all’interno di tutta l’esperienza videoludica di Hollow Knight. Questa presenza ricorrente emerge sia dagli accaduti

Un commento

  1. Ipno Kick Dicembre 10, 2017 al 4:29 pm - Rispondi

    [semi OT]…ammazza Ambra ferrari, hai un curriculum mica da ridere!

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI