Corri, schiva, colpisci: come i videogiochi d’azione influenzano le abilità cognitive

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Da Mortal Kombat a Tekken, da Doom a Halo, da F1 a Gran Turismo… avete mai pensato a come questi videogiochi hanno influenzato il vostro cervello?

Certamente hanno contribuito a suscitare forti emozioni, al crearsi e al consolidarsi di ricordi, ma non solo. Secondo una ricerca, i videogiochi d’azione influenzano le abilità cognitive, in particolare la percezione, l’attenzione e i tempi di reazione, migliorando le performance dei videogiocatori in test cognitivi.

 

Perché proprio questo genere?

Fra i generi disponibili, i videogiochi d’azione sono fra quelli con il maggiore potenziale di modificare le capacità percettive e attentive dei videogiocatori. La loro caratteristica distintiva, infatti, è la presenza di target in movimento che richiedono un processamento periferico notevole, oltre alla capacità di cambiare costantemente e rapidamente il proprio focus attentivo.

In un primo momento, la vostra attenzione sarà “distribuita”. Dovrete scrutare l’ambiente circostante, cercando di individuare i vostri target.  Ma, una volta identificati, ecco che la vostra attenzione si fa “selettiva”, si concentra su quello che avete trovato e guida le azioni successive.

Tuttavia, come ben sapete, in questo genere il target raramente è solo. Basta un nemico che esce da un nascondiglio, una macchina che compare nello specchietto retrovisore e la vostra strategia viene stravolta.

Quanto richiesto al giocatore, quindi, è la capacità di passare da un’attenzione selettiva ad una distribuita rapidamente e ripetutamente, con l’obiettivo di compiere azioni veloci e accurate.

 

Come è stato dimostrato?

Nello studio di Bediou e colleghi, le abilità cognitive dei partecipanti sono state valutate misurando l’attenzione spaziale e l’abilità nel gestire simultaneamente compiti multipli.

Gli psicologi hanno avviato una meta-analisi che comprendeva 2,883 soggetti, giocatori e giocatrici, suddivisi in due gruppi:

  • Il gruppo sperimentale, coinvolto in sessioni di gioco con videogiochi d’azione;
  • Il gruppo di controllo impegnato, invece, in giochi di ruolo e di altro genere.

Entrambi i gruppi, dopo aver partecipato ad un primo test cognitivo, accumulavano 8 o più ore di gioco durante la settimana, per un totale di almeno 50 ore per 12 settimane. Al termine di questa fase, i giocatori dovevano partecipare ad un ulteriore test della abilità cognitive, per verificare la presenza di effettivi cambiamenti legati alle sessioni di gioco.

L’obiettivo era scoprire se i videogiochi d’azione avessero un effetto causale o meno sulle abilità dei partecipanti.

Quanto osservato, è che la performance dei giocatori d’azione nei test cognitivi era nettamente migliore rispetto a quella del gruppo di controllo.

 

“Learn to learn”

Tale miglioramento, suggerisce che l’esperienza di gioco abbia trasmesso ai partecipanti l’abilità di apprendere più rapidamente ed efficacemente come portare a termine un compito. Rispetto ai videogiochi di controllo, infatti, quelli d’azione richiedono un maggiore controllo attentivo per poter sopprimere fonti di distrazione, come suoni e elementi visivi non rilevanti. Con il tempo, poi, i videogiocatori diventano sempre più accurati e rapidi nel riconoscere quali sono le informazioni utili per raggiungere l’obiettivo.

In altre parole, i videogiochi di azione permettono al giocatore di “imparare ad imparare”.

Insomma, buone notizie per tutti i giocatori amanti del genere, ma attenzione. È opportuno evidenziare che tali effetti sono stati osservati in seguito a sessioni di gioco distribuite per diverse settimane o mesi, non a seguito di una singola sessione intensiva.

Come qualsiasi attività di apprendimento, infatti, brevi periodi di pratica se ripetuti sufficientemente e adeguatamente, sono preferibili a quelli saltuari.

 

Riferimenti bibliografici

Bediou, B., Adams, D. M., Mayer, R. E., Tipton, E., Green, C. S., & Bavelier, D. (2017). Meta-Analysis of Action Video Game Impact on Perceptual, Attentional, and Cognitive Skills. Psychological Bulletin.

Chopin, A., Bediou, B., & Bavelier, D. (2019). Altering perception: the case of action video gaming. Current opinion in psychology.

More to explorer

Skyrim: Chirurgia grafica 8 anni dopo.

11 novembre 2011, il famoso 11-11-11. Sono passati pochi giorni dall’ottavo compleanno del 5° e (per ora) ultimo capitolo della celebre saga di The Elder Scrolls. Skyrim, durante il corso di questi anni, ha visto il suo rilascio anche sulle

I vestiti del nostro avatar influenzano chi siamo

Gli appassionati di RPG ne sono ben consapevoli: la personalizzazione del nostro avatar richiede sempre un tempo considerevole, e delle decisioni che vanno decisamente ponderate. La psicologia, negli ultimi anni, ha dato base scientifica all’importanza di questo momento di gioco.

Perchè guardare altri giocare? Psicologia dello streaming

Già nell’era delle sale giochi non mancava il pubblico che si radunava attorno al cabinato per per vedere se il “campione” locale” fosse riuscito a battere qualche record, o come un amico affrontava un passaggio particolarmente impegnativo. Questa dimensione sociale

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI