La politica contro The Sims, ovvero quando i videogiochi vengono censurati

Facebook
Twitter
LinkedIn

Cari amici e care amiche di Horizon, buon ritorno dalle vacanze!
Siete pronti ad affrontare le nuove responsabilità scolastiche e lavorative che vi aspettano questo mese? Neanche io!

Da buon videogiocatore, sono riuscito a pensare ai videogiochi anche in Uzbekistan, la mia meta per queste vacanze, e ho scoperto che questo sconosciuto Stato asiatico ha bannato alcuni titoli per computer con l’accusa di “distorcere i valori e minacciare la stabilità della società uzbeka”.
In questa lista nera di giochi figurano titoli come “Grand Theft Auto: San Andreas”, “Manhunt II” e “Mortal Kombat X”; ma sono presenti anche giochi come “Mass Effect” e “The Sims 3/4”.

Per quanto lo stupore nei confronti di titoli considerati “violenti” sia stato basso, il vedere bannati i giochi della serie The Sims ha destato la mia curiosità, non solo perché non capivo come un simulatore di vita reale potesse essere minaccioso, ma anche perché non era la prima volta che lo vedevo censurato.

Ma perché vietare The Sims 3 e 4? Molto semplicemente perché nel gioco è possibile spingere i propri sims ad avere delle relazioni omosessuali, con possibilità di matrimonio e adozione. Questo per lo stato uzbeko viene considerato “inaccettabile”, in quanto è presente una legge che punisce le relazioni sessuali tra due uomini (non quelle tra due donne) con periodi di reclusione fino a tre anni.

Sapete questo cosa mi ha ricordato? La Russia.
in Russia sono presenti delle leggi liberticide nei confronti delle persone non eterosessuali; infatti è in vigore una legge contro la “Propaganda Gay” a causa della quale vengono punite tutte le “manifestazioni pubbliche di omosessualità agite di fronte a minori”.
Infatti, The Sims 4  passa da essere considerato un gioco per i maggiori di dodici anni, ad essere un gioco solo per maggiorenni russi al pari di Manhunt.

Sapete quale altro stato ha deciso di bannare The Sims? La Cina.
Sempre concentrandoci sul versante orientale del mondo, nel 2005 il governo cinese decide di bannare The Sims ed altri 49 giochi, giochi che potrebbero avere un’ “influenza negativa” sui giovani cinesi.
Ho ipotizzato che la malvagità del simulatore più famoso del mondo per i giovani cinesi potesse sussistere nel fatto che la visione individualista del gioco (es: soddisfare i bisogni dei singoli sim e non della comunità) fosse contraria ai valori più comunitari dello stato cinese.

Fortunatamente queste motivazioni a noi sembrano estranee, in quanto verrebbe ritenuto assurdo bannare ignorantemente dei videogiochi in Italia, giusto?

SBAGLIATO!

In quanto, nel 2011 il politico Carlo Giovanardi, allora sottosegretario di Stato con delega alla famiglia, cercò di regolamentare una lista di videgiochi rei di “veicolare contenuti omosessuali”. Tra questi, ovviamente, era presente anche il nostro The Sims.

Personalmente, a me The Sims piace molto, soprattutto il terzo.
Inoltre, il mio gioco preferito è Life is Strange.
Per favore non ditelo a Giovanardi.

More to explorer

Riconoscere le Fake News: Informarsi Giocando

Mass media, Internet, e Fake News Il mondo dell’informazione ha subìto una trasformazione radicale negli ultimi decenni. Nell’era di Internet, il moltiplicarsi delle fonti di notizie e della quantità di informazioni disponibili ha portato, da un lato, ad una concorrenza

IL CYBERBULLISMO : Una sfida attuale

CARATTERISTICHE E RISVOLTI PSICOLOGICI Non serve essere esperti conoscitori del web, dei social network o abili “navigatori” per aver sentito almeno una volta il termine cyberbullismo. Sempre più, negli ultimi anni, le dinamiche sociali e le relazioni si stanno connotando

Da Tiktok alle Challenge – Facciamo Chiarezza

Articolo realizzato a cura di Giulio Pio Dima e Marco Salemi. Parliamo di TikTok In questi giorni hanno fatto particolarmente notizia gli avvenimenti collegati a certe presunte challenge che girerebbero sul noto social network TikTok. I Giornali, e i mass

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI