Sindrome da Disconessione o Sindrome da Yggdrasill? Fuga dal mondo reale attraverso il genere Isekai

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

“Today is the last day Yggdrasil’s server will run. Why not stay until the end?”

Con queste parole si apre la narrazione di “Overlord”, Light Novel (romanzo illustrato giapponese) di genere Isekai (異世界), pubblicato nel 2012, ottenendo un discreto successo, è stato adattato come anime nel 2015, con varie stagioni e OAV.

Siamo nell’anno 2138, il giovane impiegato Satoru Suzuki alias “Momonga” ha effettuato l’accesso per l’ultima volta presso “Yggdrasill”, il continente di una realtà virtuale MMORPG di genere fantasy, dove Momonga aveva creato un Clan quasi invicibile, uno dei più forti di Yggdrasill. Tuttavia il gioco stava per essere cancellato dalla piattaforma digitale. Durante il conto alla rovescia per la disconnessione permanente del server, il protagonista chiuse gli occhi e ripensa ai bei momenti trascorsi insieme ai suoi compagni, provando rammarico nel lasciare ciò che aveva costruito. Quando riapre gli occhi, Momonga scopre di essere rimasto bloccato nel suo personaggio con le stesse abilità magiche del suo avatar, inoltre gli NPC (Not Players Character – personaggi non giocabili) hanno ottenuto una volontà propria. L’elettrizzante novità, ha totalmente “trascinato” Momonga, che ha deciso di scoprire le regole di questo “nuovo” mondo, da lui tanto adorato e condurlo sotto il suo potere, per diventare il padrone ed eroe indiscusso di Yggdrassil.

L’anime alterna episodi comici ad altri con uno stampo quasi “filosofico”; infatti durante alcuni dialoghi, Momonga riflette e confessa ai NPC, di non essere sicuro di voler giocare per sempre all’interno del mondo virtuale, desidera sapere se avrà mai l’opportunità di incontrare i suoi alleati (anche gli stessi  NPC) nel mondo reale o di poter avere una relazione sentimentale/amorosa anche al di fuori del mondo di Yggdrassil.

Questi sentimenti e sensazioni di disorientamento, non vengono vissuti solo dal nostro Momonga: alcune ricerche, riportano che molti videogiocatori delle piattaforme MMO, possono superare le 8 ore giornaliere di sessione ludica, incurante delle conseguenze temporali e spaziali del mondo reale (Stavropoulos, Griffiths; 2018). In alcuni casi estremi, adolescenti ed adulti, decidono di ritirarsi all’interno della propria camera, tagliando ogni contatto con il mondo circostante, usando la tecnologia come unico mezzo di comunicazione e svago.

Il termine “Hikikomori” (hiku – tirare , komoru – ritirarsi ) sintetizza questa condizione psicologica e sociale. Le persone “hikikomori”, affermano di non aver bisogno di comunicare con il mondo esterno, hanno tutto quello che desiderano all’interno della loro stanza, non hanno nessun desiderio di uscire fuori dalla loro camera ed evitano anche relazioni con i familiari.

Tornando al giovane protagonista di “Overlord“, Satoru Suzuki/Momonga possiede alcuni tratti in comune con un hikikomori: è una persona di natura timida e schiva, con poche relazioni sociali, legami ed amicizie nate principalmente online, una storia di lutti familiari alle spalle e dedicando la sua vita solo al lavoro. Appena Momonga entra nel mondo di Yggdrassil, si “trasforma” in un imponente stregone dalle fattezze di scheletro, proclamandosi “Ainz Ooal Gown” il nuovo eroe del continente: le sue insicurezze si dissolvono, diventa una persona determinata, acuta e con un buon senso dell’umorismo. Momonga, nei panni di leader, si considera capace per governare il mondo virtuale di Yggdrassil, sconfigge altri NPC per conquistare clan e dungeon, ma teme che da un momento all’altro si potrebbe “scollegare” perdendo tutto quello che ha creato.

La sua paura ed ansia irrazionale di “disconnessione” è associata alla “Nomofobia (dall’inglese “No-mobile”) cioè la sproporzionata paura di perdere “contatti” con il mondo virtuale da pc o da smartphone: il bisogno di sicurezza è appagato dal poter sempre raggiungere qualcuno virtualmente e/o il bisogno di comunicare.

Overlord è un anime di sottogenere “fantasy” abbreviato in giapponese con il termine “Isekai”. Nelle storie di stampo Isekai, i protagonisti sono intrappolati all’interno di un mondo fantastico, in un corpo oppure un oggetto magico, senza poter tornare nel mondo o stato reale/originario (come ad esempio negli anime di Sword art Online, Magic Knight Rayearth, Re:Zero, Vita da slime… ). I personaggi di queste narrazioni fantastiche solitamente sono degli adolescenti dal carattere timido e remissivo, che usano le loro capacità magiche e ludiche nel mondo fantastico, per ottenere ciò che desiderano, un “rinforzo” che li invoglia a proseguire a continuare a giocare: un riconoscimento sociale nel videogioco, un premio che gli dia più poteri o addirittura liberare una persona cara, prigioniera nel mondo virtuale.

Tutto sommato, il nostro Momonga, nonostante abbia molti aspetti simili a quelli descritti in un hikikomori ed in un nomofoba. è consapevole che Yggdrassil non è reale, che quello non è il suo corpo e che sta solo tentando un espediente per sfuggire alla realtà. Malgrado lui abbia vissuto durante l’infanzia degli eventi tragici che lo hanno reso diffidente verso il prossimo, sa che ha delle sue responsabilità e degli affetti che lo aspettano, rendendosi conto che lui “vuole” tornare nel mondo reale, in quanto solo attraverso la realtà potrà essere libero di scegliere come costruire sé stesso e migliorarsi, liberandosi dalla sua sindrome di “connessione” come “Ainz Ooal Gown“.

More to explorer

Videogiochi e senso morale – Quando la giustizia è in gioco

Giustizia in gioco La morale, intesa come l’insieme dei valori e delle norme da essi derivate che guidano il comportamento umano, è stata tradizionalmente un ambito della filosofia. Eppure essa è il prodotto di processi sociali e esperienze individuali. Possono

Remedy, Control e la narrativa disarmante

Non è la prima volta che parlo di narrazione in queste pagine. Il punto è che se ne parla sempre male o troppo poco, limitandosi a lodarla o biasimarla, senza mai andare in profondità ad analizzarla e a mostrare come,

Giocare ad aspettare? Il caso degli idle games

Mi diverto con niente Se chiedessimo ai non addetti ai lavori quale dovrebbe essere la caratteristica principale di un gioco, una delle risposte più comuni (per la disperazione degli studiosi di game design) sarebbe “deve essere divertente”. Con questo si

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI