Il Giappone punta sull’apprendimento videoludico

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

 

E’ davvero possibile creare un  metodo di studio che rimpiazza i libri con i videogiochi?
Un’azienda nipponica, chiamata Gemutore, crede di sì, e ha sviluppato per i propri studenti un nuovo programma di studi che si basa sui videogiochi.

Le lezioni, della durata di un’ora, sono tenute da un gruppo formato da tre studenti e un tutor, e seguono un programma di studi che verte al pensiero critico, all’elaborazione di informazioni e all’autonomia nei processi decisionali. 

Gemutore, infatti, crede che i videogiochi abbiamo un altissimo potenziale per sviluppare diverse capacità e aumentare le conoscenze nei ragazzi.

Kazuki Obata, CEO dell’azienda, pensa che il settore videoludico possa offrire un valido supporto ai bambini senza la pressione emotiva che di solito subiscono in una normale classe di studi. 

Le sessioni educative per il momento si svolgono solo nel weekend e non interferiscono con le lezioni normali. Questo perchè il progetto, proprio per la sua innovazione e “stravaganza”, ha suscitato la paura di molti genitori, restii a cambiare così tanto il mondo dell’educazione.
Le sessioni di studio si svolgono principalmente al mattino, tramite video o chat vocale, mirando a stimolare gli studenti nella prima parte della loro giornata.

Uno dei primi obiettivi comunque sembrerebbe quello di impedire agli studenti di perdere il riposo notturno stando svegli durante la notte davanti ai videogiochi.

L’azienda mira a sviluppare le capacità dei bambini preparandoli per una vera e propria carriera in futuro, al di là del mero percorso come videogiocatori professionisti della scena eSports.

More to explorer

Luci, colore, azione! L’importanza dei colori nei videogame.

Tempo fa abbiamo visto come musica, suoni (leggi di più sulla psicologia delle soundtrack cliccando qui)  e altri elementi (come quelli citati in questo articolo) di un gioco possano influenzare la nostra percezione soggettiva di meccaniche oggettive. Oggi invece andremo ad ampliare

Simulator Games: lavorare per staccare dal lavoro

Conosciamo tutti i “Simulator”, se non altro per celebri casi di Goat Simulator, Surgeon Simulator e altri titoli prettamente goliardici, che di simulazione hanno ben poco. Ma questi titoli prendono in giro un intero filone di videogiochi che cercano di

INTERVISTA “ROMANTICA” (pt. 2): LE EMOZIONI DI UN VIDEOGIOCATORE

  Eccoci con il secondo appuntamento (se te lo fossi perso, puoi trovare il primo articolo qui) della nostra intervista “romantica”. In questa ultima parte si sono volute prendere in esame due dinamiche di fondamentale importanza, non solo all’interno del mondo videoludico,

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI