Il miglior passatempo per le famiglie del 2019? Giocare ai videogiochi!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

 

Secondo una ricerca di Microsoft, i videogiochi battono cinema e centri commerciali e altri momenti di aggregazione più tradizionali. Si calcola che ben il 72% dei genitori oggi giochi con i figli, con una media di almeno 10 volte al mese. 

Sembra che ormai i videogames vengono battuti per frequenza unicamente dalle favole della buonanotte, dalle passeggiate e dalla visione di programmi televisivi. Quest’ultimi, tra l’altro, rimangono un must insormontabile. 

La ricerca prende in esame 12 mila famiglie europee. Si è proceduto tramite intervista e i risultati sono stati sorprendenti: il 73% degli intervistati afferma che rafforza l’intesa tra genitore e figlio; il 72% crede che aiuti a capire meglio i ragazzi; Infine, il 61% dei genitori si sente più al passo con i tempi grazie a questa consuetudine.

I genitori, partecipando ai giochi online, ora si sentono molto più sicuri e permissivi nei confronti dei figli. Ben l’81% dei genitori ha potuto affermare con esattezza a cosa giocano i ragazzi. 

Nonostante queste notizie molto positive, rimane una generale sfiducia nel mondo videoludico da parte dei genitori, soprattutto quando si tratta della possibilità che i giochi danno di chattare online con gli sconosciuti, una preoccupazione di ben 49% degli intervistati, nonostante il 66% dei genitori è convinta di sapere chi sono le persone con cui parlano i figli.

Microsoft è stata particolarmente soddisfatta dei risultati, inaspettati considerata la forte disinformazione che i media sostengono continuamente. 

L’azienda desidera che i genitori si sentano tranquilli anche quando non giocano con i loro figli, poiché Microsoft si preoccupa che i contenuti siano appropriati anche quando giocano da soli. Per questa ragione, consigliano caldamente di creare un Family Group e avvalersi dei Family Setting, messi a disposizione.

More to explorer

Portiamo i videogiochi nelle scuole elementari come attività di prevenzione

Portare i videogiochi a scuola? Sarebbe impensabile, ma proporre un corso di educazione e prevenzione per il comportamento di utilizzo è un altro discorso. Anzi, molte scuole richiedono questo nostro servizio (che puoi approfondire qui) per prevenire possibile problematiche d’insorgenza in

Cina: non è un paese per gamer

Fa rumore la notizia appena riportata dai giornali italiani e pubblicata di recente dalle testate internazionali del coprifuoco indotto dal Governo cinese per i videogiocatori minorenni. Tra i commenti e i vari giornalisti si può notare come vi siano due

Il PEGI diventa legge? Facciamo chiarezza.

Tra la tarda serata di ieri e la mattinata di oggi diverse testate giornalistiche videoludiche (noi compresi) hanno riportato la notizia secondo cui il sistema PEGI (per saperne di più sul PEGI, clicca qui) sarebbe diventato a breve legge. AESVI

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI