Animal Crossing come terapia per i disturbi d’ansia?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
 

A ormai poco meno di un mese dall’uscita del nuovo Animal Crossing: New Horizons che uscirà per Nintendo Switch il prossimo 20 Marzo, perché non parlare di quali sono gli usi terapeutici di questo gioco?
A dispetto di quanto si possa pensare, gli elementi che caratterizzano la saga di Animal Crossing come il suo aspetto semplice, routinario, cartoonesco e pieno di colori e personaggi buffi e amabili, diventano i punti chiave quando si parla delle sue potenzialità terapeutiche nel trattare i disturbi d’ansia.

Vediamole insieme più nel dettaglio.



Routine e Prevedibilità per combattere ansia e depressione

Una delle peculiarità di Animal Crossing è il suo essere basato sulla routine, del tutto personalizzabile e modificabile in base alle nostre esigenze. Comunemente coloro che soffrono di depressione hanno grosse difficoltà nella gestione e organizzazione del tempo durante la giornata e questo implica anche una scarsa o assente propensione alla cura verso sé stessi e al proprio futuro. Difficoltà sempre più crescenti che si concretizzano in una vera e propria “disconnessione” da noi stessi e da ciò che ci circonda.
In questi casi molti psicologi suggeriscono che un primo passo per uscire da questo baratro sia quello di iniziare a sviluppare un propria routine quotidiana, con lo scopo di aiutare l’individuo a riprendere le redini della propria vita. Ed è qui che si inserisce il gioco come terapia: tutte le attività che vengono proposte possono essere utilizzate allo scopo di creare una routine personalizzata. Uscire di casa ed annaffiare i fiori, raccogliere poi fossili, giroidi e frutti da donare, collezionare o vendere, dal socializzare con gli altri simpatici abitanti della propria città, sono tutte azioni che contribuiscono ed aiutano la persona ad organizzare, passo dopo passo, cosa fare all’interno della propria città.

Parlando poi dei disturbi d’ansia, alcune caratteristiche quali l’essere continuamente nervosi, attanagliati da pensieri e preoccupazioni che ci rendono costantemente sovrappensiero, diminuendo così le nostre capacità cognitive e di concentrazione; elementi che in Animal Crossing trovano una loro almeno parziale e momentanea dissoluzione.
L’atmosfera tranquilla, le musiche ambientali rilassanti, i colori vivaci e mutevoli che cambiano in base alle stagioni e alle condizioni metereologiche, contribuiscono a creare un’oasi pacifica che permette di uscire da questo vortice di pensieri negativi per entrare nella propria città e “ricominciare una nuova giornata”. Vorrei però precisare che sebbene questa fuga possa sembrare per certi versi inutile e dannosa, può in realtà aiutare moltissimo coloro che soffrono di questi disturbi in quanto li aiuta a creare una propria comfort-zone, un luogo privo di ansie e preoccupazioni in cui essere se stessi.

Un mondo senza fine

La longevità di questo gioco potremmo dire che è infinita. Sebbene il nostro mondo sia delimitato le possibilità in esso sono molto varie. In Animal Crossing: New Leaf impersoneremo il sindaco della città e più avanti nel gioco potremmo sbloccare l’opportunità di creare nuove opere pubbliche a cui contribuiremo economicamente insieme agli abitanti. Questo si traduce nella potenziale possibilità di cambiare la nostra cittadina inserendo ciò che ci piace di più o rimuovendolo quando ne siamo stanchi. Anche la personalizzazione di vestiti e capelli tramite l’uso dei QR code, la personalizzazione della casa e l’ampia varietà di arredi ci permettono di creare e plasmare la nostra cittadina a nostro piacimento, stimolando la creatività e voglia di creare, sperimentando e scoprendo noi stessi.

More to explorer

Portiamo i videogiochi nelle scuole elementari come attività di prevenzione

Portare i videogiochi a scuola? Sarebbe impensabile, ma proporre un corso di educazione e prevenzione per il comportamento di utilizzo è un altro discorso. Anzi, molte scuole richiedono questo nostro servizio (che puoi approfondire qui) per prevenire possibile problematiche d’insorgenza in

Cina: non è un paese per gamer

Fa rumore la notizia appena riportata dai giornali italiani e pubblicata di recente dalle testate internazionali del coprifuoco indotto dal Governo cinese per i videogiocatori minorenni. Tra i commenti e i vari giornalisti si può notare come vi siano due

Il PEGI diventa legge? Facciamo chiarezza.

Tra la tarda serata di ieri e la mattinata di oggi diverse testate giornalistiche videoludiche (noi compresi) hanno riportato la notizia secondo cui il sistema PEGI (per saperne di più sul PEGI, clicca qui) sarebbe diventato a breve legge. AESVI

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI