In Polonia il governo combatte l’epidemia con i videogiochi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Il governo polacco ha adottato una misura cautelare per incentivare i bambini a rimanere in casa e far fronte all’epidemia di COVID-19 tramite il lancio di un sito internet contenente numerose attività per tutta la famiglia.

“Vale la pena sfruttare questo tempo per… imparare!”

Questo lo slogan di Grarantanna.pl, il sito che oltre a documentari e presentazioni in diretta, propone quiz con diverse categorie, tornei e altri giochi interattivi per non mettere in pausa l’apprendimento. Il tutto è condito da un pizzico di competitività data dalla presenza di invitanti premi per il più cervellone!

La particolarità del sito è che offre non solo occasioni culturali, ma anche strumenti ricreativi. Grarantanna.pl rappresenta il tentativo da parte di un’istituzione di impiegare i videogiochi per far fronte a una situazione di disagio globale. Attraverso la presenza di giochi di ruolo, puzzle logici e il lancio di server online di Minecraft, le fasce di età più giovani possono ingannare il tempo a casa e passarlo più rapidamente senza annoiarsi.

 “Ogni giorno nuove sfide”, l’invito da parte del governo polacco a collaborare con gli enti sanitari rispettando la quarantena è chiaro, sta al buonsenso civico di ogni cittadino contribuire a questa lotta rimanendo a casa.

Un’iniziativa costruttiva e originale che coinvolge non solo bambini, ma anche adolescenti e adulti, che lascia spaziare l’immaginazione su quali possano essere le potenzialità di uno strumento in via di sviluppo, come quello videoludico, e di come possano essere sfruttate anche in situazioni inconsuete.

Se anche tu condividi questa iniziativa allora siamo sulla stessa lunghezza d’onda!
L’obiettivo di Horizon è quello di educare ad un utilizzo corretto e consapevole dei nuovi media, favorendo l’uso e non l’abuso delle nuove tecnologie.

Per saperne di più sulla nostra mission clicca qui!

More to explorer

Portiamo i videogiochi nelle scuole elementari come attività di prevenzione

Portare i videogiochi a scuola? Sarebbe impensabile, ma proporre un corso di educazione e prevenzione per il comportamento di utilizzo è un altro discorso. Anzi, molte scuole richiedono questo nostro servizio (che puoi approfondire qui) per prevenire possibile problematiche d’insorgenza in

Cina: non è un paese per gamer

Fa rumore la notizia appena riportata dai giornali italiani e pubblicata di recente dalle testate internazionali del coprifuoco indotto dal Governo cinese per i videogiocatori minorenni. Tra i commenti e i vari giornalisti si può notare come vi siano due

Il PEGI diventa legge? Facciamo chiarezza.

Tra la tarda serata di ieri e la mattinata di oggi diverse testate giornalistiche videoludiche (noi compresi) hanno riportato la notizia secondo cui il sistema PEGI (per saperne di più sul PEGI, clicca qui) sarebbe diventato a breve legge. AESVI

Leave A Comment

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza d'uso dell'utente. Proseguendo nella navigazione dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo, per maggiori informazioni a riguardo clicca

QUI