Didattica digitale: insegnare ai bambini con Wordwall.net

L'apprendimento deve appassionare Troppo spesso il mondo scolastico e accademico si dimentica quanto sia importante mantenere un buon livello di motivazione degli studenti per far loro raggiungere i risultati d'apprendimento…

Continua a leggereDidattica digitale: insegnare ai bambini con Wordwall.net

I videogiochi sono il male: 5 cose da fare per non essere vittima delle trappole dei media

Chi mi segue assiduamente sa che di solito preferisco scrivere articoli leggeri, divertenti e poco impegnativi, per mantenere una comunicazione che sia informativa, ma anche divertente. I recenti fatti di…

Continua a leggereI videogiochi sono il male: 5 cose da fare per non essere vittima delle trappole dei media

Le tette sono il male e Super Mario è sessista – Perchè è importante che i videogiochi diventino più inclusivi?

Se anche voi come me bazzicate spesso il magico mondo dell'internet [ndr. licenza poetica] e vi aggirate tra i blog di videogame alla ricerca di novità o anche solo di…

Continua a leggereLe tette sono il male e Super Mario è sessista – Perchè è importante che i videogiochi diventino più inclusivi?

Bambini e Tecnologia: una coesistenza felice o un rapporto da interrompere?

Al giorno d’oggi è sempre più frequente vedere bambini, anche molto piccoli, in preda all’utilizzo di dispositivi elettronici e avanguardie della moderna tecnologia. Ma farà loro del male, oppure da…

Continua a leggereBambini e Tecnologia: una coesistenza felice o un rapporto da interrompere?

La nostalgia in psicologia e nei videogiochi: il caso di Crash Bandicoot e Spyro

[amazon_link asins='B06W2M3124,B01L30EJNO,B07DKH6QD9,B01N6IVS8F,B07CBH5XNK,B0053CDS8G,B07FDNT6BD' template='ProductCarousel' store='horizonpsytech-21' marketplace='IT' link_id='66a9f169-ecd6-11e8-a8b5-71e2aeedc97e']Per molti di noi, la prima PlayStation è un ricordo estremamente prezioso. Protagonista dei pomeriggi degli anni ’90 e simbolo della nascita di una passione…

Continua a leggereLa nostalgia in psicologia e nei videogiochi: il caso di Crash Bandicoot e Spyro